A Piazza Affari spingono i titoli bancari. Bene le trimestrali di Intesa Sanpaolo e FinecoBank

FTSE Mib oltre il +1%. Bene il settore bancario. Intesa Sanpaolo: utile netto 2018 a 4,05 miliardi, cedola in calo, Cet1 a 13,6%. Finecobank: utile netto rettificato 2018 su dell'11,8% (244,4 mln), cedola +6,3%

Fonte: Bloomberg

Intesa Sanpaolo chiude il 2018 con un utile netto complessivo a 4,05 miliardi (sopra i precedenti 3,82 miliardi 2017) ed una proposta di dividendo cash pari all’85% del payout ratio indicato nel piano di impresa 2018 (a 3,45 miliardi di euro superiori alle stime di 3,42 miliardi del 2017). La nuova cedola, a 0,197 euro per azione, è inferiore rispetto a quella di 0,203 euro dell'anno appena concluso.

Dopo un avvio di giornata sostenuto a Piazza Affari, grazie alla positività legata al comparto bancario, il titolo Intesa Sanpaolo ha recuperato parte dei recenti cali, tornado a tastare l’area dei 2 euro per azione, in crescita tra l’1,2% e l’1,4%.

Trimestrali Intesa Sanpaolo

Il Common equity tier 1 (Cet1) pro-forma a regime del primo istituto bancario italiano si è attestato al 13,6%; il Cet1 transitional si è portato al 13,5% con possibilità di discesa al 12% (se si escludesse la mitigazione dell'impatto dell'Ifrs9) e al 12,5% (con il Danish Compromise per il quale è stato avviato il processo di riconoscimento).

Il risultato da gestione operativa è cresciuto del 4,8% rispetto allo scorso anno, con proventi operativi netti in aumento dello 0,2% ed un calo dei costi operativi del 3,6%.

All’elevata patrimonializzazione, superiore ai requisiti minimi richiesti dalle autorità europee, Intesa ha accompagnato un netto miglioramento della qualità del credito: i prestiti deteriorati lordi sono calati, portando lo stock complessivo in calo del 29,9% rispetto all’esercizio 2017, realizzando nel solo 2018 oltre il 60% dell’obiettivo previsto dal piano industriale 2018-2021. Alla fine del quarto trimestre, l’incidenza dei crediti deteriorati rispetto ai crediti complessivi (al netto delle rettifiche di valore) si è portata su un livello del 4,2% (8,8% lordo), in calo del 27,7% contro il 2017.

In qualità di “acceleratore di crescita economica”, Intesa Sanpaolo ha concesso nel 2018 circa 50 miliardi di euro di nuovi crediti a medio-lungo termine a famiglie ed imprese. Nel corso dell’esercizio, 20.000 aziende sono state riportate in bonis (93.000 dal 2014).

Trimestrali FinecoBank

Trimestrale sopra le attese anche per Fineco Bank, che ha concluso il 2018 con un utile netto rettificato complessivo i crescita dell’11,8% a 244,4 milioni di euro. I ricavi del gruppo a fine anno hanno raggiunto un totale di 628,3 milioni, in crescita del 7,1%.

Secondo quanto riportato dal gruppo, per l’anno in corso, a valere sul bilancio 2018, il Cda proporrà un dividendo da 30,3 centesimi per azione, in crescita del 6,3% rispetto ai 28,5 centesimi corrisposti nel 2017.

Ampliamente positivo anche il dato sul Cet1 (transational), che al 31 dicembre si è attestato a 21,16%, superiore al 20,77% precedente.

Relativamente alla voce della raccolta, il 2018 si è concluso con importi record a 6,22 miliardi di euro (+4,4%). L’amministratore delegato dell’istituto, Alessandro Foti, ha commentato: "Fineco archivia anche il 2018 con un utile record ed una crescita a doppia cifra, un dato particolarmente importante perché ottenuto in un contesto complesso sui mercati".

Alla pubblicazione dei risultati di periodo il titolo ha registrato un incremento dello 01,6% a Piazza Affari, che ha fatto seguito al rialzo del 3,5% circa registrato ieri.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.