"Rischi considerevoli": Fitch apre la strada ai downgrade

L'agenzia di rating taglia il giudizio su Carige: non si esclude il default. Immediata la replica dell'istituto. In un'anticipazione, anche Moody's dichiara scetticismo: "La manovra del governo è un errore"

risk
Fonte Bloomberg

“Rischi considerevoli", specie dopo il 2019: questo il giudizio di Fitch sull’Italia. Dopo essersi espressa negativamente sull’outlook del Bel Paese per l’anno a venire (valutato tripla B), l'agenzia ha declassato ieri il rating di Banca Carige, portandolo da B- a CCC+. Secondo gli esperti, il fallimento dell'istituto è una "possibilità reale", in quanto l'operazione di rafforzamento del capitale risulta "sfidante".

Il rating su Banca Carige e l'incontro coi rappresentanti Bce

Fitch taglia così il giudizio di lungo termine di Carige, portandolo a negativo. La decisione, ha spiegato l’agenzia, si lega alla “reale possibilità” che la banca finisca in default, ritenendo “arduo” il processo di rafforzamento del capitale. Le prospettive sul rating per i prossimi trimestri sono "negative" e non è escluso un ulteriore peggioramento nei prossimi trimestri, che potrebbe implicare l’intervento die regolatori.

L’istituto, che nelle scorse ore ha dichiarato di aver incontrato i rappresentanti della Bce per discutere dei requisiti sull’Overall Capital Requirement 2018, ha replicato che nelle interlocuzioni con i regolatori non è mai stato fatto riferimento alla possibilità di un fallimento.

Attesa per Moody's e S&P. FMI: preoccupazioni sull'Italia

Si addensano così le nubi sulle decisioni di fine di ottobre, quando Moody’s e Standard & Poor’s si esprimeranno sul merito creditizio italiano. Intanto il titolo di Carige, che ha aperto la giornata di giovedì con un ribasso teorico attorno al 10% , ha perso nell’ultimo mese il 50%.

In un’anticipazione del suo capoeconomista Mark Zandi, Moody's ha dichiarato che "la manovra presentata dal governo italiano è un errore" e che "le preoccupazioni manifestate in questi giorni dai mercati si rifletteranno anche nelle prossime valutazioni delle agenzie di rating".

In attesa di ulteriori sviluppi sul fronte politico e di fronte ad un mercato che riversa l’incertezza in vendite sul comparto bancario, a rendere più greve la situazione italiana sono state ieri le parole del direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, che ha dichiarato come la posizione del Fmi sull’Italia sia “abbastanza nota: sosteniamo il consolidamento fiscale, che deve esser d’aiuto alla crescita del Paese”, ricordando però come ogni membro dell’Unione europea sia tenuto “a rispettare gli impegni presi”.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.