Azioni Juventus crollano, il coronavirus colpisce anche la Serie A

Positivo al tampone il difensore Daniele Rugani, a rischio ora anche la Champions. Juventus, ma anche Inter, in auto-isolamento

In una giornata in cui gli indici europei hanno aperto in zona rossa, a registrare il crollo più drastico sul listino italiano è stata la Juventus. Stavola non c’entrano retrocessioni (in Borsa) o risultati della partite del campionato (ormai a porte chiuse), ma il coronavirus. Ieri infatti il club ha comunicato che il calciatore Daniele Rugani è risultato positivo al Covid-19.

Il difensore, asintomatico, aveva accusato alcune linee di febbre martedì. All’esame del tampone, la leggera influenza si è rivelata Covid-19, facendo partire la macchina sanitaria con il rintracciamento di tutte le persone con cui Rugani ha avuto contatti negli ultimi giorni e isolamento.

Cosa implica un caso di coronavirus nella Serie A?

Da lunedì il campionato è sospeso, ma il club calcistico ha comunque avvisato le ultime squadre contro cui Rugani ha giocato: il Brescia, contro cui ha giocato da titolare il 16 febbraio, e la Spal, nell’incontro del 22 febbraio. Il difensore è invece rimasto in panchina nelle ultime due gare contro Lione e Inter. Già predisposta la messa in sicurezza del centro sportivo della Continassa.

Nel frattempo anche l’Inter ha comunicato la quarantena volontaria per i suoi giocatori, così come di tecnici e allenatori, secondo il protocollo. I neroazzurri hanno giocato contro la Juve nell’ultima partita di campionato, domenica scorsa e, come misura precauzionale, resteranno in isolamento, facendo sapere di aver annullato ogni attività e chiuso il centro sportivo di Appiano.

Intanto il fuoriclasse Cristiano Ronaldo, momentaneamente fuori dall’Italia per motivi personali, ha fatto sapere che non rientrerà a Torino. Ronaldo sarebbe dovuto tornare in Italia stamattina con un volo privato, ma ha preferito restare in Portogallo.

Si attendono ora ulteriori direttive per capire il destino della Champions League. Il prossimo 17 marzo infatti la Juventus dovrebbe giocare contro il Lione, ma è praticamente certo ormai le l’Uefa deciderà di rinviare la partita a data da destinarsi. Quanto al futuro del campionato italiano, il Consiglio federale della Figc si riunirà il 23 marzo.

Cosa si prospetta ora per il titolo Juventus?

La squadra già versava in condizioni abbastanza critiche. Solo una settimana fa, l’annuncio del passaggio dal Ftse Mib al Mid Cap, a partire dal 23 marzo, aveva provocato forti perdite senza alcuna possibilità di prevedere un’occasione di ripresa in tempi brevi.

L’annuncio infatti è arrivato proprio in concomitanza con l’emergenza coronavirus che già dall’inizio del mese ha fatto in modo che tutte le partire di Serie A si svolgessero a porte chiuse, comportando notevoli sacrifici in termini di mancati incassi, mentre ancora non è chiaro cosa accadrà agli abbonamenti.

Le quotazioni Juventus oggi hanno raggiunto minimi che non si vedevano dal giugno del 2018: le azioni si scambiano a 0,62 euro, un crollo di circa il 7% rispetto a ieri.

Scopri come fare trading sulle azioni Juventus e altri mercati con IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000 mercati.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.