Azioni Atlantia in rialzo dopo ipotesi di un intervento di Cassa Depositi e Prestiti

Le quotazioni Atlantia continuano ad aumentare grazie alla possibilità di conservare la concessione di Aspi

Potrebbe essere la svolta in grado di salvare la concessione di Atlantia relativa ad Autostrade per l’Italia: l’ipotesi di un intervento della Cassa Depositi e Prestiti, trapelata in mattinata dalle colonne di Milano Finanza, ““allontanerebbe lo scenario di revoca della concessione”.

Cosa cambierebbe con l’intervento di Cdp?

Da almeno un anno e mezzo la storia di Atlantia, società per azioni che controlla Aspi, Autostrade per l’Italia, è la storia della lotta contro le revoca della concessione. L’entrata nel capitale di Atlantia di Cdp garantirebbe nuovi introiti per evitare i rischi legati alla sicurezza della rete autostradale - proprio il motivo per cui la concessione è a rischio, dopo il crollo del Ponte Morandi, che provocò la morte di 43 persone. Cassa Depositi e Prestiti fungerebbe infatti da presidio pubblico a presidio della concessione.

Solo pochi giorni fa, il premier Giuseppe Conte aveva dichiarato che sperava di arrivare a una conclusione della revisione delle concessioni autostradali entro la fine dell’anno. La soluzione dell’intervento di Cassa Depositi e Prestiti renderebbe possibile un accordo anche dal punto di vista politico, proprio per via della funzione di garanzia che potrebbe far desistere la maggioranza dal proposito di appoggiare la revoca.

All’interno del governo, infatti, il Movimento 5 Stelle sono da sempre stati a favore della revoca della concessione ad Atlantia. D’altra parte, finora la situazione delle autostrade italiane non è mai stato troppo positivo – tutt’altro: l’ultimo crollo, dovuto a una frana provocata dal maltempo, è stato solo il 24 novembre scorso.

A che punto è la revoca della concessione?

Due settimane fa il premier Conte aveva dichiarato in una conferenza stampa che il processo di revoca della concessione ad Atlantia non si è mai fermato: “Da quando è stata contestata ad Aspi, in oggettivo inadempimento dovuto al crollo del Ponte Morandi, quella procedura è andata avanti”.

“Stiamo acquisendo continuamente elementi presso il Mit, man mano che vengono fuori perizie ed elementi. E adesso possiamo anticipare che siamo pressoché in dirittura di arrivo”, aveva continuato. Nelle ore immediatamente successive, il titolo era sceso dello 0,86%.

E, proprio la settimana scorsa, Moody’s ha tagliato il rating del debito senior non garantito di Atlantia, passando a Baa3 a Ba1. Declassate anche Autostrade per l’Italia (a Baa3), con outlook negativo per entrambe. Il taglio del giudizio è dovuto proprio all’ipotesi di rinegoziazione della concessione.

Quanto pesano le indagini?

L’ultimo passo, finora, dell’indagine sul crollo del Ponte Morandi è avvenuto stamattina: un blitz della Guardia di Finanza negli uffici di Aspi, Spea e Pavimental (come Aspi, anche le ultime due sono società afferenti al gruppo Atlantia, che si occupano di servizi ingegneristici) ha infatti tentato di portare alla luce documenti tecnici, perizie, relazioni di collaudi e materiale amministrativo.

Come ha reagito il titolo in Borsa?

Nonostante la notizia del blitz di stamattina, il titolo Atlantiaha aperto a 20,63 euro (+1,67%), ma solo nel pomeriggio è iniziato il rally, quando ha iniziato a farsi strada l’ipotesi di un intervento da parte di Cdp. Atlantia è infatti arrivata a segnare un rialzo del 3,45%, per un massimo di 21 euro ad azione.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.