Andamento euro sterlina in rialzo dopo dati deludenti su economia britannica

In autunno l’incertezza Brexit e le elezioni di dicembre hanno provocato la più brusca frenata nell’economia britannica degli ultimi sette anni, con una crescita del solo 0,1% tra settembre e novembre

Sterlina in calo da stamattina dopo alcune indiscrezioni trapelate dal Comitato sulla politica monetaria della Bank of England. Secondo quanto lasciato intendere da Gertjan Vlieghe, membro del suddetto comitato, l’istituto di credito centrale potrebbe procedere con un taglio dei tassi d’interesse, qualora l’economia britannica dovesse mantenersi nell’attuale situazione di difficoltà.

A quanto pare infatti la BoE si è concentrata (non senza una certa preoccupazione) sugli ultimi dati pubblicati dall’istituto di statistica nazionale britannico, l’Office for National Statistics. Gli ultimi dati sul Pil di novembre segnalano infatti una crescita dell’economia britannica solo dello 0,1% tra settembre e novembre (il tasso più lento degli ultimi sette anni), e un aumento dello 0,6% rispetto allo stesso mese del 2018. Cattivi inoltre i dati sulla produzione industriale e manifatturiera, che l’Ons ha definito “debole” (-1,7%), mentre anche il settore dei servizi si è dimostrato più debole (-0,43%).

La crescita, che a settembre e ottobre aveva fatto ben sperare, a novembre ha trascinato in giù la media, scendendo dello 0,3%. Non solo: l’Ons ha pubblicato anche i dati sulla bilancia dei pagamenti, che tra novembre 2018 e novembre 2019 si è allargata da 9,1 miliardi di sterline a 36 miliardi, soprattutto a causa del deficit negli scambi, aumentata da 7,4 milioni a 143 milioni di sterline.

Cosa potrebbe fare la Bank of England?

Prima di procedere effettivamente con una misura in tal senso, però, è altamente probabile che la BoE aspetti almeno un altro paio di settimane, durante le quali sono attesi altri dati chiave: l’indice dei prezzi al consumo, i dati sulle vendite, l’occupazione e l’indice Pmi. La banca si riunirà verso la fine del mese.

Quali sono le prospettive future?

La partita dell’economia britannica si gioca chiaramente sulla capacità o meno del governo di Boris Johnson di riuscire a chiudere un accordo commerciale di libero scambio con i paesi dell’Unione Europea entro dicembre 2020, dopo l’uscita del Regno Unito dall’Ue (alla fine del mese). Restano i dubbi che ciò sia possibile: proprio tali perplessità stanno frenando la crescita.

In compenso, in mattinata il Ftse 100 ha aperto in area positiva, superando gli altri indici europei con lo 0,6% e arrivando a un massimo di 7635 punti, grazie alle buone performance delle aziende che, al suo interno, generano guadagni tramite scambi che avvengono per lo più con l’estero - beneficiando dunque di un deprezzamento della sterlina. La valuta britannica stamattina è arrivata a 1,26 valuta britannica, mentre il cambio EUR/GBPha raggiunto quota 0,857.

Allo stesso tempo, i dati di novembre tengono anche conto dell’incertezza che permeava il Regno Unito nelle settimane tra settembre e novembre. La campagna elettorale in vista delle elezioni che, il 12 dicembre, hanno poi finito per confermare Boris Johnson (e il suo “Get Brexit done”), l’incertezza non solo sulle modalità della Brexit, ma anche sulla stessa eventualità che questa avesse effettivamente luogo (i laburisti di Jeremy Corbyn avevano promesso un secondo referendum a tal proposito) e, prima ancora, le trattative di Johnson per raggiungere un accordo con Bruxelles, infatti, sono stati tutti fattori che hanno contribuito a una resa così debole a livello economico.

Scopri come fare trading sul Forex e altri mercati con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trading sulla Brexit

Scopri come l'uscita del Regno Unito dall'UE continua a influenzare l'operatività dei trader e scopri:

  • Le opportunità in caso di ‘hard’ e ‘soft’ Brexit
  • I mercati da monitorare
  • I cambiamenti che sono avvenuti fino ad ora

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 68% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.