Week Ahead: 3 - 7 Dicembre. Trade war, OPEC e molto altro ancora

Gli sviluppi della guerra commerciale tra Usa e Cina inaugureranno una settimana densa di appuntamenti interessanti, tra cui spiccano il meeting OPEC a vienna e i Non Farm Payrolls di novembre negli Usa.

BG_opec_oil_meeting_84098098
Fonte:_ Bloomberg

L'inizio di settimana potrebbe essere contrassegnato dalla volatilità in scia agli sviluppi che arriveranno dal G20 di Buenos Aires. L'attenzione è incentrata quasi unicamente sul meeting tra Trump-Xi che proveranno a chiudere un accordo sul commercio, in modo da evitare l'innalzamento a partire da gennaio prossimo. Se la finalizzazione di un accordo potrebbe liberare risk on, il mancato accordo non è detto che provochi necessariamente un sell off. I due leader potrebbero, infatti, avviare colloqui costruttivi e sospendere l'innalzamento delle tariffe. Lo scenario peggiore rimane quello di un nuovo brusco stop ai negoziati. Rimanendo in tema tariffe, l'Europa tiene l'attenzione rivolta ai dazi sul comparto auto che gli Usa potrebbero imporre già la prossima settimana.

Altro tema importante è il meeting OPEC che si terrà a Vienna giovedì. I dubbi sulla crescita globale e gli alti livelli produttivi hanno rispolverato i timori di un eccesso di offerta che hanno causato il violento calo dei prezzi. Il taglio della produzione appare ormai scontato e gli operatori si dividono sull'entità del taglio. Ci aspettiamo che limature fino a 800 mila barili non riescano ad arginare la discesa dei prezzi, mentre riduzioni più consistenti (superiori a 1,1 milioni di barili) potrebbero aprire a un rimbalzo delle quotazioni.

Da non sottovalutare saranno anche le indicazioni macro, che vedranno protagonisti i Non Farm Payrolls statunitensi di novembre. Ancora una volta, al di là dei numeri sui nuovi posti di lavoro, l'attenzione sarà rivolta alla crescita dei salari. Il forte calo del greggio, le minacce di Trump e i timori di rallentamento globale hanno aperto a un atteggiamento più cauto della Fed per il 2019. Proprio la Fed mercoledì pubblicherà il Beige Book dove farà il punto sull'economia a 2 settimane dalla riunione di politica monetaria.

In Europa, il focus sarà sui PMI di novembre, utili per capire quanto sia preoccupante il rallentamento del Vecchio continente. Questi dati, insieme a quelli sull'inflazione preliminare di novembre saranno discussi dalla Bce a metà dicembre.

In generale, il mese di novembre si conferma essere contrastato per le borse mondiali, dopo i cali violenti di ottobre. Il Dax ha chiuso il quarto mese di fila in rosso, evento questo che non accadeva dal 2008. E proprio come in quell'anno, il Dax ha chiuso nel 2018 solo 3 mesi in rialzo.

Lunedì 3 Dicembre

PMI manifatturiero novembre, Eurozona

Discorso di John Williams, Governatore Federal Reserve di San Francisco (votante)

PMI e ISM manifatturiero novembre, USA

Discorso di Lael Brainard, Consiglio direttivo Federal Reserve (votante)

Martedì 4 Dicembre

Riunione di politica monetaria della Reserve Bank of Australia (RBA), Australia

Prezzi alla produzione ottobre, Eurozona

Immatricolazioni auto novembre, USA

Mercoledì 5 Dicembre

PMI servizi novembre, Eurozona

Stime ADP novembre, USA

PMI e ISM servizi, novembre, USA

Riunione di politica monetaria della Bank of Canada (BoC), Canada

Discorso di Jerome Powell, presidente Federal Reserve (votante)

Scorte settimanali di petrolio, USA

La Fed pubblicherà il Beige Book, USA

***Wall Street sarà chiusa per onorare George H. W. Bush***

Giovedì 6 Dicembre

Bilancia commerciale ottobre, Australia

Ordini all’industria ottobre, Germania

Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione, USA

Bilancia commerciale ottobre, USA

Ordini all’industria ottobre, USA

Discorso di John Williams, Governatore Federal Reserve di San Francisco (votante) e Raphael Bostic, Governatore Federal Reserve di Atlanta (votante)

***Riunione OPEC, Vienna

Venerdì 7 Dicembre

Produzione industriale ottobre, Germania

Non Farm Payrolls novembre, USA

Fiducia consumatori Univ. del Michigan prel. dicembre, USA

Trivelle settimanali attive Baker Hughes, USA

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.