Verso la fine dell'epoca Merkel. No ad una nuova candidatura

In Assia trionfano i Verdi, mentre la grande coalizione di Angela Merkel perde terreno. Immediata la reazione della cancelliera, che ha annunciato la rinuncia alla nuova candidatura del Cdu nelle elezioni 2021. Disfatta per i socialdemocratici, scesi sotto il 20%. Il Dax guadagna in mattinata oltre il 2%.

Angela Merkel
Fonte Bloomberg

Nuovo alert sulla tenuta del governo Merkel e, in generale, sull'operato dell’Unione cristiano-democratica. Dopo quasi 15 anni alla guida della Germania, la cancelliera Angela Merkel ha dovuto affrontare la seconda sconfitta in meno di un mese: prima, l’insuccesso in Baviera a metà ottobre; poi, la turnata elettorale in Assia, dove a trionfare sono stati i Verdi, passati dall11,1 al 19,8 per cento.

Immediata la reazione della cancelliera che, alla guida del partito dal 2000, ha annunciato in mattinata la rinuncia alla nuova candidatura a capo del Cdu. Il quarto mandato a firma Merkel scadrà nell’ottobre 2021. Entrerà invece in corsa per la presidenza del partito Friedrich Merz, ex capo del gruppo parlamentare Cdu.

Scottati dalle urne dell’ultimo stato federale al voto sono stati sia l’Unione cristiano-democratica (Cdu), attualmente ancora al primo posto tra i partiti della regione, sia i socialdemocratici (Spd), scesi rovinosamente al di sotto della soglia del 20%, il peggior risultato dal dopoguerra.

Alla Cdu sono andati il 27% dei voti, contro un precedente grado di apprezzamento del 38,3% ottenuto cinque anni fa. E’ però dalla crisi dei social democratici, storici alleati della Grosse Koalition, cui si devono le pressioni sulla tenuta del governo.

Mentre le dinamiche politiche dominano la scena europea, nella mattinata di lunedì la notizia del voto ha avuto scarsi effetti sul mercato. L’indice Dax ha aperto lunedì sopra la parità, allungando poi il rialzo in area positiva a +2%, dopo l'annncio di Merkel.

Ridotto effetto del voto tedesco anche sui titoli di stato tedeschi, rimasti pressoché invariati. Il miglioramento del rapporto Btp/Bund, tornato in area 300, è infatti da ricondursi alla sola reazione positiva scontata in apertura dal mercato italiano e successiva al giudizio dell’agenzia di rating, S&P, che venerdì ha confermato il proprio merito creditizio italiano due gradini sopra il livello junk, avvertendo però il tricolore con un outlook passato da stabile a negativo.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.