Turchia sempre in crisi, Erdogan prova a rassicurare i propri cittadini

La lira turca recupera terreno ma paese ancora in forte difficoltà

turkey_EU

La lira turca cerca di recuperare terreno sui mercati valutari dopo la decisione del governo di Ankara di togliere le tasse sui depositi in lira turca per arrestare il deflusso di capitali.

Erdogan ha provato a rassicurare i cittadini turchi sullo stato di salute dell’economia del paese affermando che le turbolenze finanziarie sono legate a un attacco economico da parte degli Stati Uniti e che quelle valutarie sono frutto della manipolazione perpetrata proprio dai nuovi “nemici” della Turchia.

La Turchia, membro della NATO, continua sempre più ad allontanarsi dall’Occidente e avvicinarsi ai paesi dell’Est Europa soprattutto la Russia, con cui ha stretto rapporti non solo economici ma anche politici nella difficile gestione della guerra in Siria con l’appoggio al Governo di Bashar Al-Assad.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso delle difficili relazioni tra Turchia e Stati Uniti è stato l’arresto del pastore statunitense accusato di aver partecipato nel 2016 al colpo di stato militare contro Erdogan.

Dopo il lancio da parte degli Stati delle sanzioni economiche alla Turchia la lira turca ha perso tantissimo valore spingendo la banca centrale a intervenire. Tuttavia Erdogan secondo indiscrezioni avrebbe bloccato le azioni della banca centrale preoccupato delle conseguenze negative di un eventuale rialzo dei tassi di interesse. Le scelte di Erdogan hanno però inasprito la crisi. Deflusso di capitali, crollo della lira turca, forti vendite sulle imprese del paese. Davanti a Erdogan si sono prospettate 3 soluzioni per limitare il deflusso di capitali all’estero, misure di controllo sulla circolazione dei capitali, richiesta di aiuti al Fondo Monetario Internazionale o rialzo dei tassi di interesse. Unica soluzione concretamente percorribile è un forte rialzo dei tassi di interesse da parte dell’istituto centrale. La decisione prevista per il 13 settembre è ancora avvolta da tanta incertezza. Erkan Kilimci, uno dei membri del Consiglio Direttivo e stretto collaboratore del governatore Murat Cetinkaya, si è dimesso nei giorni scorsi proprio sul disaccordo nei confronti dell’ingerenza della politica sulla banca centrale.

Intanto dal grafico il cambio EUR/TRY nonostante i ribassi si mantiene ancora vicino a massimi relativi molto importanti in area 7,70. Il cambio USD/TRY ha mostrato nella seduta odierna una candela spinning top che incrementa il clima di incertezza e di volatilità. Sopra 6,80 possibile target a 7,15.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.