Turchia: cosa farà la banca centrale?

Domani si terrà la riunione del consiglio monetario della banca centrale della Turchia

turkey_EU

E’ arrivato il momento di intervento della banca centrale turca (Türkiye Cumhuriyet Merkez Bankası TCMB) chiamata a fermare la caduta di valore della lira turca. Nonostante sembra quasi inevitabile l’aumento dei tassi d’interesse rimane ancora un certo clima di incertezze sulle scelte dell’istituto centrale di Ankara. Il presidente della “Repubblica” turca Recep Erdogan ha continuato a fare pressioni sul governatore della banca centrale per non alzare il costo del denaro che potrebbe influenzare notevolmente la ripresa economica.

Il paese è in forte fermento. Dopo la decisione degli Stati Uniti di lanciare sanzioni economiche contro la Turchia per il mancato rilascio del pastore statunitense arrestato con l’accusa di aver partecipato al colpo di stato militare contro Erdogan, si è assistito a un forte deflusso di capitali che ha portato a un crollo della lira turca. In un paese con inflazione salita al 17,90%, con un settore privato fortemente indebitato, con un saldo delle partite correnti in forte deficit, le soluzioni sono poche. La migliore è l’azione della banca centrale anche contro il parere di Erdogan.

Crediamo che la banca centrale possa intervenire con un incremento di 325 punti base portando i tassi d’interesse benchmark (rifinanziamento a 1 settimana) dal 17,75% al 21%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.