Settore auto Europa: calo delle immatricolazioni a -7,4%. Male Fca

Immatricolazioni in Europa (Unione europea e Paesi Efta) scese del 7,4% rispetto al 2017. A settembre, il calo era stato del -23,4%. Da gennaio, tra i mercati migliori, Spagna (+10%), Francia (+5,7%) e Germania (+1,4%). Male l'Italia (-3,2%) e Regno Unito (-7,2%).

Settore auto
Fonte Bloomberg

Immatricolazioni auto europee nuovamente in contrazione. A pesare sul settore, le limitazioni disposte dall’Unione sulle emissioni ed il rallentamento (e la previsione di un peggioramento) della domanda cinese. L'introduzione dal primo settembre dei nuovi test Wltp sulle emissioni, ha infatti spinto le vendite nei mesi estivi, penalizzando ora le case produttrici.

Ad ottobre, le immatricolazioni di nuove auto in Europa (Unione europea e Paesi Efta, tra cui Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) sono scese del 7,4% rispetto a quanto rilevato nel 2017. Stando ai dati diffusi dall'associazione delle case automobilistiche europee, Acea, le immatricolazioni hanno raggiunto lo scorso mese 1,12 milioni di unità, dal livello di 1,21 milioni del medesimo periodo 2017. Già a settembre il numero confrontato anno su anno era risultato in calo, a -23,4%.

Da gennaio, l’Europa ha immatricolato 13.424.360 vetture, con un incremento dell'1,4% rispetto al 2017. Tra i cinque maggiori mercati dell'auto europea, la Spagna ha registrato il migliore risultato (+10%), seguita da Francia (+5,7%) e Germania (+1,4%). Male invece l'Italia (-3,2%) ed il Regno Unito (-7,2%).

In una giornata apertasi in area positiva per i principali listini europei, Fca ha avviato le contrattazioni in negativo (-1%), scontando il calo del 13,3% di nuove auto (a 66.217 unità). La quota di mercato del gruppo italo americano è scesa ad ottobre dal 6,3% di un anno fa all’attuale 5,9%, seppur in miglioramento rispetto al 5,5% di settembre.

Nel caso di specie, le immatricolazioni di Fiat hanno raggiunto quota 46.299 auto (-15,5% su anno), quelle di Jeep 10.914 auto (+12,2%); i numeri di Alfa Romeo sono calati a 3.837 (-40,8%), mentre Lancia/Chrysler si è confermata sui precedenti livelli a 4.497 (-0,2%).

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.