Ritorna incubo spread, tensioni sul settore bancario

Spread in forte salita nelle ultime settimane. Timori su Governo Conte e possibile contagio dalla crisi turca

bg_italy_flag_1493347
Fonte Bloomberg

Lo spread btp/bund è tornato ad avvicinarsi ai 300 punti base, al momento quota a 282 punti base con il rendimento del decennale italiano al 3,12% e quello tedesco allo 0,30%. Lo spread è sempre stato una cartina di tornasole per verificare la reputazione e l’appetibilità di un economia di un paese. In Italia è necessario aumentare i rendimenti dei titoli di stato per renderli più appetibili agli investitori rispetto a quelli tedeschi. Quello che sorprende è che anche lo spread dei rendimenti rispetto ad altri paesi continua ad ampliarsi. Guardiamo alla Spagna una economia molto simile alla nostra. Lo spread bonos/btp è salito a 170 sui massimi dal 2011 quando a Palazzo Chigi comandava Silvio Berlusconi in caduta libera nei consensi per colpa degli eventi giudiziari e deriso dagli altri leader europei (da Sarkozy alla Merkel).

La perdita di reputazione dell’Italia sul mercato dei capitali ha evidenziato una accelerazione sui timori degli investitori per le prossime decisioni del Governo Conte in merito alla legge di bilancio. Discorso ben diverso invece in Spagna che nonostante la caduta del Governo Rajoy e l’insediamento del nuovo esecutivo guidato dal leader del Partito Socialista Operaio Spagnolo (PSOE), Pedro Sanchez, ha mostrato un miglioramento del sentiment tra gli investitori.

E tra poco il Bel Paese dovrà confrontarsi con il temuto giudizio delle agenzie di rating. Fitch sarà la prima a rivedere il rating sull’Italia al momento a BBB poi toccherà anche a Moody’s (rating Baa2) e S&P’s (rating BBB).

A Piazza Affari per le tensioni sullo spread soffre il settore bancario, appesantito inoltre dalle preoccupazioni sull’economia turca. Da inizio agosto Banco BPM è sceso da 2,72 a 2,04 euro, Ubi Banca da 3,54 a 3,17 euro, BPER da 4,78 a 4 euro, Unicredit da 15,16 a 12,90, Intesa Sanpaolo da 2,63 a 2,16.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.