Market Update 22/10/2018: Bene Italia, spread scende sotto 300 dopo Moody's

Ottima partenza di settimana per l'indice italiano. Il report di Moody's non spaventa i mercati.

bg_italy_rome_1258961
Fonte Bloomberg

L’intervento del Governo di Pechino a sostegno dei mercati e la decisione di Moody’s sull’Italia hanno alimentato gli acquisti sui mercati europei.

L’agenzia di rating ha deciso di tagliare il giudizio sul debito del paese di 1 gradino da Baa2 a Baa3, mettendo l’outlook a stabile. La valutazione è leggermente migliore delle aspettative della vigilia, lo spauracchio di un downgrade al livello spazzatura (junk bond) e di un outlook negativo non si è materializzato.

A sostenere il mercato obbligazionario è stato anche il Consiglio dei Ministri del weekend che ha ricucito la spaccatura all’interno del Governo gialloverde.

Rimane la pace fiscale ma è stato tolto lo scudo per i capitali all’estero e la non punibilità che aveva portato Di Maio ad accusare in diretta TV la manomissione del decreto fiscale.

Da segnalare a Piazza Affari i forti acquisti su FCA che guadagna 5 punti percentuali dopo la decisione di vendere Magneti Marelli ai giapponesi di Calsonic Kansei per 6,2 miliardi di euro.

L’indice italiano a fine mattinata evidenzia una crescita dello 0,70% a 19210 punti.

Sul fronte valutario l’euro dollaro si attesta poco al di sopra di 1,15.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.