Market Update - Europa rimbalza dopo tonfo di Wall Street

Mercati provano ad alzare la testa in attesa dei conti dei colossi tech di questa sera. Soglie da monitorare sull'S&P500.

Mario_Draghi
Fonte: Bloomberg

Recuperano le perdite le borse europee stamane, nonostante i forti cali di Wall Street di ieri sera e dell'Asia stanotte. Gli investitori restano in attesa delle parole di Draghi, che nella conferenza stampa odierna potrebbe porre l'accento sull'accrescimento dei risk al ribasso sull'economia dopo i recenti dati deludenti e le tensioni sulla Brexit, lasciando aperta così la porta a una maggiore flessibilità nella normalizzazione della politica monetaria. Particolarmente attese saranno anche le dichiarazioni sull'Italia, dopo la bocciatura della legge di bilancio da parte della Commissione Ue.

In generale, però, il sentiment sul mercato appare piuttosto fragile e il timore di un rallentamento degli utili futuri per via delle dispute commerciali si stanno concretizzando dietro la pubblicazione delle trimestrali di alcuni settori, come quello industriale. Questo ha portato gli indici a Wall Street a correggere da livelli giudicati da tempo comunque troppo elevati. Particolarmente colpiti i titoli tech, con il Nasdaq che ha messo a segno ieri la peggiore seduta da agosto 2011, portando il calo dai massimi storici a oltre -12pp.
Solo ieri sul listino tecnologico sono stati vaporizzati oltre 500 mld di dollari di market cap, mentre l'S&P500 ha chiuso da inizio mese solo 4 sedute con il segno più. Nonostante la rottura di livelli chiave, come la media mobile a 200 giorni per gli indici Usa, la situazione rimane ancora sotto controllo. Per l'S&P 500, le soglie da monitorare passano per i minimi annuali a 2.540 punti e poi per 2.300 punti. Solo sotto tale livello tutta il rally decennale potrebbe essere a rischio. Fino ad allora saremo in fase correttiva seppur sostenuta da una forte volatilità.

In Italia, il FTSEMIB oggi recupera terreno, mentre lo spread BTp-Bund si stabilizza sotto la soglia di 320pb.
Tra le valute, il dollaro rimane forte verso le principali valute mondiali. L'euro/dollaro inizia a mettere nel mirino il principale supporto collocato a 1,13. Stabile il petrolio, mentre l'oro rimane ben comprato in scia al risk off sui mercati.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.