Libia, la situazione attuale e gli scenari sui mercati

Petrolio nuovo massimo delle ultime 6 settimane. Brent a 78,40 dollari al barile poi scende

bg_oil_pump_807996
Fonte Bloomberg

Ci siamo svegliati stamattina con tutti i media che parlavano di guerra civile in Libia con Tripoli assediata dalle milizie ribelli. Tuttavia è già dal 2014 che la guerra civile infiamma i territori del paese nordafricano. La lotta al potere continua a essere molto accesa tra i diversi schieramenti.

Al momento il gruppo che sembra essere più forte è quello guidato dal generale Khalifa Haftar anche definito Governo di Tobruk (Aguila Saleh Issa è il presidente della Camera dei Rappresentanti) che controlla tutta la parte orientale del paese e continua a espandersi verso ovest.

L’esercito nazionale libico condotto dal generale Haftar e sostenuto da molte tribù (come i potenti Zintan e i numerosi Tebu) ha conquistato territori su territori riuscendo nell’impresa di assoggettare i ricchi impianti petroliferi dell’area di Ras Lanuf.

Ora gli scontri più forti ora si sono spostati a Tripoli dove le milizie della Settima Brigata della cittadina di Tarhouna guidate dal colonnello Kani stanno cercando di sconfiggere un’alleanza composta da una miriade di gruppi armati che hanno interesse a mantenere al potere Al Serraj.

Al Serraj è il leader del Governo di Accordo Nazionale, il presunto governo “democratico” instaurato dalle Nazioni Unite ma che non ha mai avuto il controllo del paese.

Difficile trovare una soluzione nel breve ai problemi libici. Dalla caduta di Gheddafi, a cui va riconosciuto il merito di aver compattato tutte le varie tribù, il paese è sempre stato nel caos. Anche il sostegno dei paesi esteri è stato controverso. Se Stati Uniti, Italia, Regno Unito e Nazioni Unite hanno difeso i diritti del Governo di Accordo Nazionale, discorso ben diverso invece per Egitto, Emirati Arabi, Russia e forse anche la Francia che hanno appoggiato direttamente e indirettamente le truppe di Haftar.

Quali conseguenze può portare un aumento degli scontri in Libia sui mercati?

Il settore più influenzato è quello petrolifero. La Libia è tra i maggiori produttori di petrolio al mondo ed uno dei membri più importanti dell’OPEC. Una eventuale guerra conclamata in Libia potrebbe suscitare una impennata dei prezzi del greggio anche su nuovi massimi annuali.

In Italia potrebbe essere colpita Eni che ha investito fortemente nel paese nordafricano. Tanti sono gli accordi tra il cane a 6 zampe e il Governo di Accordo Nazionale di Tripoli. Eni ha aumentato notevolmente gli investimenti soprattutto negli ultimi anni nel progetto offshore Bahr Essalam.

Ecco che una probabile presa di potere da parte del generale Haftar potrebbe far rivedere totalmente le concessioni e gli accordi presi da Al Serraj influenzando negativamente il giro d’affari di Eni in Libia. Anche da un punto di vista politico la Francia potrebbe acquisire maggiore importanza nell’area facendo da mediatore tra i nuovi “leader” libici e gli altri paesi confinanti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.