L’Italia del deficit e dello spread: un quadro sul Bel Paese

Rapporto deficit/Pil in calo, spread in apertura al di sotto dei 300 e pressione fiscale meno onerosa. Pesa però l'incognita Def

bg_italy_flag_1215087
Fonte Bloomberg

Rapporto deficit/Pil in calo, pressione fiscale inferiore dello 0,6% rispetto al medesimo periodo del 2017 e spread in apertura al di sotto dei 300 punti. Ma non sono solo i ribassi a contare: a rinfrancare l’opinione sul Bel Paese giungono i dati sul Pil e sul settore dei servizi.

Giornata positiva a Piazza Affari che, con un FTSE MIB a +1,35%, sta in parte tirando il fiato dopo giornate di alta pressione. I venti di volatilità rimangono però dietro l'angolo.

Panoramica sui dati Istat

I dati pubblicati dall’Istat relativi al secondo trimestre 2018 hanno rivelato un livello di indebitamento netto rispetto al Pil delle Amministrazioni pubbliche pari allo 0,5%, a fronte di un 3,4% inerente al trimestre precedente e ad un 2,1% del medesimo trimestre nel 2017 (che aveva però risentito del trasferimento della crisi delle banche venete pari ad 1,1 punti percentuali).

Positivo anche il dato sulla pressione fiscale, andata ad assottigliarsi dello 0,6% rispetto al medesimo dato del 2017: l’onere fiscale pesa ora sul mercato italiano al 40,8%. A proposito della pressione fiscale è intervenuto il ministro all’economia, Giovanni Tria, che ha ribadito come uno dei principali obiettivi del governo sia combinare l’aumento del tasso di crescita all’intervento fiscale, assicurando l’accelerazione della riduzione debito.

Nel secondo trimestre 2018 il prodotto interno lordo, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è cresciuto dello 0,2% rispetto al trimestre precedente; +1,2% rispetto al medesimo trimestre del 2017.

A completamento del quadro, un rialzo dell’indice dei direttori degli acquisti del settore servizi (ad un livello di 53,3 rispetto alle attese a 52,8).

Le due questioni: debito e deficit

Guardando al fronte politico, il Colle ha confermato la necessità di un rapporto defict/Pil per l’anno 2019 pari al 2,4%, finalizzato a portare a termine gli obiettivi di Governo. Tra questi, la chiusura del gap di crescita che separa l’Italia dalla media europea, la promozione di investimenti pubblici (dimezzatisi negli ultimi dieci anni e necessari ad aumentare il tasso di rendimento del capitale privato), la riorganizzazione in maniera mirata della Pubblica Amministrazione per ricostruire la capacità tecnica delle professionalità competenti nel gestire gli investimenti. 'Per impostare la Manovra” ha affermato Tria, “il governo parte da un tendenziale del 2% nel 2019. Se aggiungiamo 0,2 punti per gli investimenti, si arriva già al 2,2%...”.

A proposito dello strumento reddito di cittadinanza, in vigore dal prossimo anno, esso avrà come obiettivo quello di assicurare un più fluido passaggio di risorse, garantendo la mobilità del lavoro in un mercato in preda alla disruption tecnologica e stendendo reti di protezione sociale, che arginino eventuali malumori di ostacolo alla crescita.

A partire dal 2020, se le attese di crescita si dimostreranno tali, il livello deficit/Pil dovrebbe scendere in area 2,2%, riducendosi al 2,0% nel 2021. La sfida, ha aggiunto Tria, sarà cercare di reperire in tre anni risorse pari a 15 miliardi, da mettere a bilancio per investimenti addizionali. Alla pubblicazione della notizia, letta dal mercato come una maggior apertura italiana ad attenersi alle regole comunitarie, l’euro ha recuperato parte del terreno perso, innescando qualche ricopertura. Contro dollaro, il cambio attualmente rimane poco sopra 1,1535.

Focus sul cambio EUR/USD

Gli analisti di IG si aspettano che il cambio EUR/USD riesca a trovare un supporto sull'area di 1,15, livello considerato strategico per le prospettive di medio periodo. Una rottura di tale riferimento potrebbe aprire a una discesa più marcata in direzione dei minimi di agosto.

Dopo giornate nere per il rapporto BTp/Bund, che è tornato a chiudere sui massimi dal 2013, lo spread ha ridimensionato il proprio range di fluttuazione tra 280 e 300.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.