L'ipotesi di accordo Usa-Cina spinge i mercati. Trump verso il voto di Midterm

Se il possibile allentamento delle tensioni tra Stati Uniti e Xi Jinping restituisce un po’ di respiro ai mercati, l’attenzione è tutta rivolta alle elezioni di metà mandato del prossimo 6 novembre. Nell’agenda a stelle e strisce, attesi oggi alle 13:30 i dati sul mercato del lavoro, con NFP e tasso di disoccupazione.

Usa China
Fonte Bloomberg

Le borse europee aprono l’ultima seduta di settimana col piede giusto, dopo i buoni risultati registrati ieri alla chiusura di Wall Street e dopo un nuovo picco a rialzo per le borse dell’area Asia Pacifico.

Ad impattare positivamente sui mercati ad oriente la notizia che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha chiesto al suo staff di studiare i termini di un possibile accordo sui traffici commerciali con la Cina. L'anticipazione fa seguito ad una telefonata fatta dal Tycoon statunitense al leader cinese Xi Jinping.

Trump con Xi Jinping: la telefonata smorza le tensioni commerciali

“Ho appena avuto una lunga e proficua conversazione con il presidente cinese Xi Jinping. Abbiamo parlato di molti argomenti, con particolare enfasi al commercio. Le discussioni intavolate si muovono nella giusta direzione, alla luce delle riunioni previste in Argentina in occasione del G20. Abbiamo inoltre affrontato una discussione costruttiva sulla Corea del Nord”.

Se da un lato la possibilità di un allentamento delle tensioni sugli scambi con la Cina restituisce un po’ di respiro ai mercati, dall’altro l’attenzione è tutta rivolta alle elezioni di Midterm del prossimo 6 novembre.

Come riportato dall'agenzia di stampa Bloomberg, l’obiettivo di Trump sarebbe quello di raggiungere un accordo con Xi entro fine mese. Secondo alcuni rumors, uno dei punti fermi dell’accordo riguarda il furto di proprietà intellettuale. A proposito, la Casa Bianca ha sempre avuto una posizione rigida e non è chiaro se, a riguardo, Trump intenda alleggerire il tono delle proprie richieste.

Usa tra elezioni di Midterm, prezzo del petrolio e dati sul lavoro

Immediata e su più fronti la reazione dei mercati: all’idea di un rientro del rischio cinese, lo yen giapponese è calato a favore di un consolidamento del biglietto verde, mentre il greggio ha interrotto la serie di chiusure negative in atto dallo scorso lunedì. Sul petrolio pesano il ruolo dell'OPEC e dell'Arabia Saudita sui livelli mondiali di output, l'entrata in vigore delle sanzioni statunitensi all'Iran a partire dal 4 novembre e le avvisaglie di rallentamento della crescita globale, specie cinese.

Il dato inferiore alle attese dell’indice manifatturiero statunitense pubblicato ieri, ha portato all’acquisto di titoli del Tesoro. I rendimenti, dopo un parziale calo, sono però tornati oggi a rialzo, a seguito della notizia del possibile accordo.

Nell’agenda a stelle e strisce, sono attesi alle 13:30 locali i dati sul mercato del lavoro, con le buste paga del settore non agricolo di ottobre (NFP), il tasso di disoccupazione e le variazioni del salario orario medio.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.