Italia sotto pressione su rumors deficit oltre 2%

Brusco risveglio per gli asset italiani dopo le ultime notizie circa la nota di aggiornamento al Def che dovrebbe essere rilasciata entro oggi.

bg_italy_flag_1493347
Fonte: Bloomberg

Brusco risveglio per gli asset italiani dopo le ultime notizie circa la nota di aggiornamento al Def che dovrebbe essere rilasciata entro oggi. Secondo quanto dichiarato dai due vice premier, Di Maio e Salvini, ci sarebbe un'intesa di massima per uno sforamento della soglia del 2% del deficit/Pil per il 2019, con il livello che dovrebbe stabilizzarsi intorno al 2,4%, ben sopra all'1,6% voluto dal Ministro dell'Economia, Giovanni Tria.

Un aspetto questo che ha spaventato gli investitori che temono per la tenuta dei conti visto l'enorme debito pubblico che attanaglia il paese. Intanto il Mef ha smentito in una nota le dimissioni di Tria, nonostante le pressioni del governo ad andare avanti con un deficit così ampio. Non resta che attendere a questo punto il pomeriggio, probabilmente dopo le 18, quando è convocato anche un Consiglio dei Ministri.

Intanto il Tesoro si prepara a collocare 4 mld di BTp, equamente distrubuiti sulle scadenze a 5 e 10 anni. E' uno degli importi più bassi degli ultimi anni, a dimostrazione del fatto che il Tesoro già a inizio settimana temesse un'impennata dei rendimenti in corrispondenza della pubblicazione del Def.

Dopo le notizie di stamane, i rendimenti sono saliti lungo tutta la curva, con il titolo a due anni che ha visto lo yield avvicinarsi all'1% dallo 0,72% della chiusura di ieri. Male anche il decennale con il rendimenti arrivati a lambire la soglia del 3% e con lo spread verso Bund balzato a 246 punti base.

Piazza Affari è la peggiore in Europa, con un calo che è arrivato anche al 2%. Com'è lecito attendersi, le vendite che hanno colpito principalmente i titoli bancari, tra cui Intesa Sanpaolo, fino a qualche istante fa il peggior titolo del listino. La volatilità continuerà ad interessare tutti gli asset italiani ancora fino a domani, almeno.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.