Italia in rosso: pesa il Def e il rischio livello spazzatura

Due eventi in agenda preoccupano il mercato: la presentazione della Legge di Bilancio a metà ottobre e il giudizio delle agenzie di rating entro fine mese.

borsa
Fonte Bloomberg

Avvio di settimana non facile per Piazza Affari. Il listino italiano ha aperto in calo dell’1%, estendendo poi le proprie perdite di circa un punto e mezzo percentuale. Milano ha così scontato negativamente le tensioni sorte in seguito alla bocciatura informale da parte dell’Europa della nota d’aggiornamento del Documento di economia e finanze (Def).

Nel focus del mercato ci sono ora due eventi: la presentazione della Legge di Bilancio a metà ottobre e il giudizio delle agenzie di rating entro fine mese.

Il "no" categorico della UE

Una lettera da due pagine che fa seguito a quella inviata la scorsa settimana dal ministro all’Economia, Giovanni Tria, in cui si spiegavano alle Autorità comunitarie i cardini del Def.

"Il Def” si legge nella risposta del vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis,e del titolare agli Affari economici, Pierre Moscovici "sembra costituire a prima vista una deviazione significativa dal percorso di bilancio indicato dal Consiglio Ue il che è motivo di seria preoccupazione". "Chiediamo alle autorità italiane” hanno aggiunto gli stessi, “di assicurare che la manovra sia in linea con le regole fiscali comuni" della zona euro. L’Europa aveva già concesso all’Italia un allargamento del rapporto deficit Pil per l’anno 2019 pari all’1,6%, ben lontano dal 2,4% richiesto dall’esecutivo tricolore. I 40 miliardi complessivamente previsti dalla manovra, inoltre, risultano il doppio rispetto a quelli degli utlimi anni.

Tra i comparti più colpiti del listino italiano, quello finanziario: l'indice dei titoli bancari italiani ha ceduto il 2,71% sulle rinnovate tensioni politiche. A guidare la schiera dei ribassi, Banco BPM, BPER Banca e UBI Banca. Male anche UniCredit ed Intesa Sanpaolo. Apertura in asta di volatilità, infine, per Banca MPS.

Anche la moneta unica sconta negativamente le tensioni tra Roma e Bruxelles, mentre torna ad alzarsi lo spread, diretto in area 300.

Il Governo ha ora tempo fino al 15 ottobre per rivedere i propri numeri, presentando la Legge di bilancio per l’anno 2019 a Bruxelles, che darà il proprio parere entro due settimane. Se la commissione non si riterrà soddisfatta, l’Italia dovrà affrontare l’apertura di una procedura su debito e deficit.

"Non c'è stata alcuna bocciatura da parte dell'Ue” ha spiegato il Governo, “anche perché non è stata ancora avviata, né poteva esserlo, alcuna interlocuzione formale".

A spaventare il mercato è il giudizio delle agenzie americane di rating Standard & Poor’s e Moody’s, che si esporranno solo a chiusura del dossier sulla legge di bilancio. Il merito creditizio dell’Italia si trova ora due gradini sopra la soglia del non investment grade.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.