Guerra o tregua commerciale? Pechino: negoziati con Usa in corso. Borse recuperano

Pechino rassicura i mercati: negoziati con gli Usa ancora in corso. L’atteggiamento degli investitori resta improntato alla cautela. Le recenti vicende di Huawei ed Apple (la prima, con l’arresto della direttrice finanziaria, la seconda, dopo il divieto di vendita in Cina di alcuni modelli di iPhone) motivano la diffidenza.

China Usa
Fonte Bloomberg

Colpo di coda di Wall Street, che recupera terreno in battuta finale, preparando un avvio di seduta dai toni morbidi per le borse asiatiche. Coi listini di Hong Kong e Shanghai chiusi in area leggermente positiva, tra lo 0,2 e lo 0,3 per cento, Pechino ha rassicurato i mercati confermando che i negoziati commerciali con gli Stati Uniti sono ancora in corso.

L’atteggiamento degli investitori resta però sempre improntato alla cautela, in attesa di una soluzione definitiva della guerra commerciale che possa alleggerire i timori di un rallentamento più brusco delle attese della crescita globale. Le recenti vicende che hanno riguardato Huawei ed Apple (la prima, con l’arresto del direttore finanziario del gruppo, accusato di violazione alle sanzioni Usa contro l’Iran, la seconda, dopo il divieto di vendita in Cina di alcuni modelli di iPhone, causa violazione di brevetti) danno ragione a chi guarda al mercato con diffidenza.

Da inizio anno, l'indice asiatico (che esclude dal contesso il mercato di Tokyo) si è lasciato indietro oltre il 16% del proprio valore, dopo una performance nel 2017 pari al 33,5%.

A proposito, il vice premier cinese, Liu He, ed il segretario del Tesoro Usa, Steven Mnuchin, hanno avviato una discussione col rappresentante del Commercio, Robert Lighthizer, per concordare una strada comune volta a far progredire i negoziati commerciali.

Dopo i dati pubblicati nelle scorse giornate, che hanno rivelato un indice dei prezzi al consumo cinese in calo ed un restringimento dei livelli di export (nonostante una bilancia commerciale positiva per via della riduzione dell’import) gli operatori si aspettano ora un intervento governativo a sostegno dell’economia, volto a contrastare i segnali di rallentamento nella crescita interna.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.