G20 al via: partecipanti, incontri e questioni da dibattere

Si apre oggi alle 14:30 ora italiana il vertice delle 20 più influenti economie al mondo. Sul piatto: guerra commerciale Cina-Usa, mercato del petrolio, accordo sulla Brexit, crisi in Crimea, senza tralasciare il caso Khashoggi. Atteso il meeting di sabato Xi-Trump. Cancellato l'incontro Trump-Putin.

G20
Fonte Bloomberg

Tutto pronto per il G20 d’Argentina che apre oggi le porte alle 10:30 (14:30 italiane) ai rappresentanti e alle autorità delle venti più influenti economie al mondo, sia sviluppate che emergenti, rappresentanti l’85% del Pil globale ed il 75% degli scambi internazionali.

Per l'occasione, Buenos Aires ha elevato al massimo il livello di sicurezza (24 mila forze dell'ordine), specie dopo le vicende di violenza della scorsa settimana, in occasione della finale di ritorno del Libertadores tra River Plate e Boca Juniors.

G20: le questioni da discutere

Guerra commerciale, mercato del petrolio, accordo sulla Brexit, crisi in Crimea, rischi geopolitici e tensioni internazionali sul fronte sia diplomatico che economico, senza tralasciare il caso Khashoggi: sono diverse le questioni da discutere, in una due giorni che si concluderà sabato sera, con l’incontro tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping, uno dei vertici più attesi dell'edizione.

Chi partecipa al G20: gli Stati

Tra coloro che prenderanno parte al G20 di Buenos Aires, il primo che si tiene in America del Sud, vi saranno Argentina, Arabia Saudita, Australia, Brasile (il neoeletto premier brasiliano, Jair Bolsonaro, è tra gli assenti confermati), Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, India, Indonesia, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Sudafrica, Turchia ed Unione europea. Tra gli Stati “ospiti” dell’edizione, Cile e Paesi Bassi. La Spagna, fuori dalla lista, è tra gli “Invitati permanenti”. Assieme a questa, l’Unione Africana (coi rappresentanti di Senegal e Ruanda) e l’Associazione nazionale del Sudest asiatico.

Temi caldi del G20: non solo Cina-Usa

L’attenzione del mercato resta alta in vista del meeting tra i vertici di governo cinese ed americano, che potrebbero smussare i toni della discussione, cercando di raggiungere un accordo sul fronte del commercio internazionale. Il timore è che, a prevalere, siano ancora una volta gli interessi personali di Xi e Trump, che vedrebbero l’intensificarsi della guerra tariffaria, a discapito dell'intera economia. Tra i due sussisten infatti una rivalità che va ben oltre il mero commercio, e che riguarda la sfera di influenza su scala mondiale, nonché la lotta per la supremazia tecnologica.

Attesa dagli osservatori è anche la firma del trattato tra Usa, Canada e Messico, volto a sostituire il vecchio Nafta.

Cancellato invece l’incontro di Trump col presidente russo, Vladimir Putin, a causa degli sviluppi della crisi in Ucraina, che ha minato i rapporti tra i due, dopo la mancata liberazione, da parte dei russi, di navi e marinai della marina locale. E’ invece probabile che i ministri degli Esteri, Lavrov e Pompeo, si riuniscano per una discussione.

Nella agenda del Tyccon, altri due incontri meritano attenzione: si tratta di quello col presidente turco, Tayyip Erdogan, e quello col principe saudita, Mohammed bin Salman. Un’occasione, questa, in cui si cercherà di far luce sul caso Khashoggi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.