Fiducia a May, Pechino apre agli Usa, Juncker meno severo: pronti al Santa Claus rally?

Theresa May ottiene la fiducia dei conservatori, Italia verso un rapporto deficit/Pil 2019 al 2,04%, Cina più incline ad accordi commerciali con gli Stati Uniti, Pechino pronto a nuovi stimoli interni. Mentre i mercati rispondono bene, le borse si preparano alle parole di Mario Draghi e alle decisioni sui tassi della Fed di prossima settimana.

Santa Claus
Fonte: Bloomberg

Fiducia dei conservatori al premier Theresa May, deficit/Pil italiano 2019 al 2,04%, Pechino più aperta agli Stati Uniti ed intenzionata a stimolare la propria economia interna. Il tutto, nel giorno in cui si attendono le parole del governatore Bce, Mario Draghi, nonché in vista della riunione Fed di prossima settimana, quando verrà sciolto il nodo tassi a stelle e strisce.

Se si guarda i principali accadimenti sui mercati internazionali, tutto sembra far sperare in una chiusura d’anno rosea. Il famigerato rally di Santa Claus, che precede il Jenuary effect e che accompagna le ultime settimane di contrattazione a dicembre, potrebbe quindi trovar ragion d’essere in una distensione delle principali tensioni internazionali, a partire dagli affari politici, passando per le questioni commerciali e l’incognita monetaria.

Nel giorno che segue il superamento del voto di sfiducia da parte del primo ministro inglese, Theresa May (con 200 voti a favore e 117 contrari), e che solleva in parte l’Italia dal rischio di avvio procedura d’infrazione per eccesso di defict da parte della Commissione Ue, le borse asiatiche hanno chiuso in territorio positivo: Hong Kong e Shanghai hanno terminato la seduta in rialzo dell’1,2% circa. Bene anche Tokyo, mossasi del +1%.

Positiva per i listini è stata la notizia di una coppia Cina / Stati Uniti intenzionata a scendere a compromessi. Pechino, dal canto suo, potrebbe aprire ulteriormente il proprio mercato ai players americani, concedendo, sul fronte interno, ulteriori stimoli che preservino crescita economica e livelli di domanda.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.