Conte-Juncker: revisione deficit al 2,04%. Bene spread e banche. Milano miglior listino Ue

Ftse Mib miglior piazza europea in apertura di contrattazioni. Pesano positivamente banche e spread. Tra i titoli in evidenza, Unicredit, Intesa Sanpaolo ed Ubi. Bene anche Bper e Mediobanca. Differenziale Btp/Bund sceso in area 265 punti. Oggi fiducia al dl fiscale.

Italia
Fonte Bloomberg

Milano miglior piazza in Europa, in una giornata di contrattazioni apertasi in territorio positivo, grazie alla distensione di alcune delle principali questioni internazionali.

A trainare gli acquisti sul listino italiano, i titoli bancari: l’indice FTSE Italia Banks tocca in mattinata variazioni del +3% circa, con Unicredit al +3,5%, Intesa Sanpaolo ed Ubi Banca a +3% e con rialzi nell’ordine del 2% per Banco BPM, Bper Banca e Mediobanca. Infonde fiducia anche lo spread: il differenziale tra titoli di stato italiani e tedeschi è infatti sceso ai minimi da settembre, in area 265 punti.

L’annuncio di una modifica alla Manovra di bilancio 2019, che vede ora un nuovo rapporto defict/Pil sul livello del 2,04% (contro il precedente target a 2,4%), mette in stand-by il rischio di un avvio di procedura di infrazione europea per il Bel Paese. Il Commissario Ue, Pierre Moscovici, ha puntualizzato in mattinata che seppur ancora "non ci siamo", la direzione imboccata dall'Italia è quella giusta.

Al termine dell’incontro tenutosi ieri a Bruxelles tra il premier, Giuseppe Conte, ed il Presidente alla Commissione Ue, Jean Claude Juncker, la Commissione Ue ha apostrofato i passi avanti compiuti come “buoni progressi”, che verranno ora valutati dall’Unione.

Da quanto si apprende, il Governo intenderà tener fede agli impegni presi portando a realizzazione, entro i tempi previsti, le misure aventi maggiore impatto sul bilancio complessivo, tra cui la quota 100 per le pensioni ed il reddito di cittadinanza. Accelerano intanto i lavori sul fronte fiscale: l’esecutivo ha infatti posto la fiducia alla Camera sul decreto legge collegato alla manovra, che contiene, tra le altre, le disposizioni per la pace fiscale, la rottamazione delle cartelle e la sanatoria agli errori formali; il voto di fiducia è atteso oggi, alle ore 11:30.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.