Manovra Italia: condono, privatizzazioni, emendamento anti-spread

Legge di Bilancio 2019 aggiustata dopo il vertice a Palazzo Chigi di giovedì sera. Bruxelles valuterà le leggi di bilancio dei Paesi membri il 21 novembre. Il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovsis, boccia l'Italia: "La deviazione è evidente"

Italy
Fonte Bloomberg

Salta il condono fiscale, spunta l’emendamento anti-spread e si conferma la partecipazione dello stato in Eni: non verranno dismessi "pezzi di Eni o gioielli di famiglia".

Non si fermano lavori e discussioni in merito alla Legge di bilancio italiana, che, se da un lato riceve la bocciatura netta del vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis (la deviazione è evidente), dall’altra vede un governo giallo-verde che procede con gli aggiustamenti al testo. In tutto, gli emendamenti alla Manovra 2019 hanno toccato quota 3500.

A Piazza Affari la giornata apre in territorio positivo, in area +0,7%. Lo spread Btp/Bund si attesta invece attorno ai 310 punti base.

Intanto, il premier Giuseppe Conte, ha ribadito che l’esecutivo non modificherà i passaggi chiave del piano, aggiungendo che non è nell’interesse del governo l’entrare in trattativa con le istituzioni europee sul tipo di procedura di infrazione da aprire.

Bcc: emendamento anti spread

Nel corso del vertice straordinario convocato ieri sera da Palazzo Chigi, al centro della scena sono state la Banche del credito cooperativo, per le quali non sussisterà l’obbligo di rispettare i principi comunitari di adeguamento del patrimonio ai livelli di sicurezza. La commissione finanze ha infatti approvato un emendamento che permetterà alle Bcc di proteggere il proprio bilancio dalle eventuali oscillazioni dello spread. Società finanziarie non quotate e realtà di minori dimensioni saranno dunque escluse dal vincolo di adottare i principi contabili internazionali per la revisione delle attività in bilancio, incluse non solo le attività finanziarie, ma anche gli impieghi.

"Il problema dei principi contabili” hanno precisato fonti governative “è, da un lato, per i titoli di Stato e, dall'altro, per i crediti, perché le banche sono costrette a registrare non solo le perdite effettivamente realizzate ma anche una stima delle perdite attese". La norma sarebbe quindi valida per derogare anche al principio Ifrs9 sui crediti.

Manovra di bilancio 2019: stop al condono fiscale

Tra le modifiche al testo apportate ieri, la battuta d’arresto sul condono fiscale. La dichiarazione integrativa esce infatti dal testo della Manovra, mentre si fa strada la sanatoria degli omessi versamenti per regolarizzare il solo dichiarato.

Piano privatizzazioni: salva Eni

Da ultimi, i chiarimenti del vicepremier, Matteo Salvini, sul piano di privatizzazioni: la bozza di bilancio aggiornata, che prevede proventi da privatizzazioni pari all'1% del Pil nel 2019 (circa 18 miliardi di euro), non prevede in alcun modo la cessione di alcune une partecipazioni ritenute “gioielli di famiglia” del patrimonio italiano. Salvo quindi da eventuali passaggi di mano il gruppo Eni, che apre a Piazza Affari con un rialzo poco al di sotto del punto percentuale.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.