Brexit: si può tornare indietro? Bruxelles boccia May: niente sconti sulle frontiere

Bruxelles boccia Theresa May sul "meccanismo indipendente" per un accordo doganale temporaneo. Salgono i malumori di governo: 4 ministri a rischio dimissioni. Keir Starmer: l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue potrebbe “esser fermata". Pedro Sanchez: "Indire un secondo referendum".

Brexit
Fonte Bloomberg

Brexit intrappolata all’interno di un’unione doganale non meglio definita. Ed il governo May torna ad arrancare, assieme alla sterlina.

La Commissione europea ha respinto ieri l’ultima proposta a firma Theresa May, alla disperata ricerca di un piano per risolvere la questione dei rapporti con l’estero. Il primo ministro sperava infatti di riunire il suo gabinetto proponendo a Bruxelles di creare un "meccanismo indipendente" per valutare un accordo doganale temporaneo nell’attesa che il Regno Unito definisca le proprie condizioni di Brexit.

La risposta dei funzionari europei non si è fatta attendere, suscitando i timori relativi al fatto che l’assenza di un accordo in sede di negoziati possa tradursi in un no-deal, ovvero in una separazione “hard”.

Come riportato da Bloomberg, il Consiglio dei Ministri avrebbe dovuto incontrarsi lunedì per firmare il piano del ministro May, tradottosi in un nulla di fatto. Per rispettare il piano della premier inglese di un accordo siglato entro la fine di novembre, l'ultima settimana utile potrebbe essere questa settimana.

Una Brexit versione hard è ancora possibile

Tra le questioni al centro del dibattito, le divergenze sul confine tra Irlanda del Nord (attualmente sotto il governo inglese) ed Irlanda. A proposito, grande curiosità ha riscosso la dichiarazione di un imprenditore (Kevin Mc Guire) di Casteblayney, comune al confine tra le due terre: “Se si stabilisse un confine rigido tra Irlanda e Irlanda del Nord" ha dichiarato Mc Guire, "molti nostri lavoratori dovrebbero attraversare la frontiera quattro volte solo per andare al lavoro e tornare a casa la sera. È assolutamente ridicolo".

Governo May: quattro ministri pronti a lasciare. Opposizione alla Brexit

Secondo quanto reso noto ieri dal Sunday Times, inoltre, dopo le dimissioni annunciate lo scorso venerdì dal ministro per i trasporti, Jo Johnson (fratello di Boris, in carica fino al luglio 2018 come Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth), altri quattro ministri dell’esecutivo sarebbero pronti a lasciare il governo May in opposizione alla Brexit.

Ad aggiungere incertezze, è giunta nelle scorse ore l’opinione del ministro ombra britannico per la Brexit, Keir Starmer, secondo cui l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue "potrebbe esser fermata". Secondo lo stesso, tuttavia, “la vera domanda da porsi ora è: quali decisioni dovremo prendere nelle prossime settimane/mesi?". Starmer ha quindi lanciato la provocazione: “Se l'accordo venisse bocciato, dovremmo prepararci nuove elezioni”. Ciò sarebbe in contrasto con quanto dichiarato negli scorsi mesi dal leader dei Labour, Jeremy Corbyn, secondo cui: "Non possiamo fermarla. Il referendum c'è stato. L'Articolo 50 è scattato. Quello che possiamo fare è riconoscere le ragioni per cui la gente ha votato di lasciare l'Unione”.

Brexit: l'uscita del 29 marzo e il periodo di transizione

Sebbene la data dell’uscita del Regno Unito dall’Unione sia fissata il 29 marzo 2019, Londra e Bruxelles potrebbero aver tempo fino all’inizio del 2021 per negoziare gli accordi definitivi. Il primo ministro britannico avrebbe infatti confermato l’idea di considerare un ampliamento del periodo di transizione (ora al 20 dicembre 2020) di alcuni mesi (tre), purché sia chiaro dal principio come l'UK ne uscirà. Ciò permetterebbe ad aziende e mercati di adattarsi in maniera graduale alla separazione della nazione dall’Europa. In tale fase la Gran Bretagna continuerebbe a rispondere delle decisioni e delle normative europee, senza però prende parte al processo decisionale.

Intanto, in mattinata il premier spagnolo, Pedro Sanchez (Partito socialista operaio), ha rivolto il proprio monito a May, consigliandole di indire un secondo referendum sulla Brexit ed avvertendo che il Paese avrebbe imboccato la via “dell’egocentrismo". "Se io fossi Theresa May” ha dichiarato Sanchez “indirei un secondo referendum. Senza dubbio".

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.