Banche italiane verso la promozione? Focus sugli stress test Eba

In una giornata positiva per le borse di tutto il mondo, il comparto bancario italiano tiene bene: Intesa segna a metà mattina +1,45%; Unicredit +2%; Ubi banca +2,76%; BPM +3,55%. Interessante sarà il trattamento tenuto dall’Eba rispetto ai titoli illiquidi per gli istituti francesi e tedeschi. Nel caso di specie, Deutsche Bank

European bank
Fonte Bloomberg

Istituti del credito europei pronti al giudizio dell’Eba. Intanto qualche anticipazione paventa uno scenario positivo per le realtà italiane.

L’autorità bancaria del Vecchio Continente renderà noto alle 18:00 di oggi l’esito degli stress test condotti su 48 istituti (il 48,7%) tra le realtà bancarie europee, di cui 37 vigilati dalla Bce.

A seguito delle recenti vicende che hanno penalizzato il comparto del credito del Bel Paese, le banche italiane sono da principio tra i grandi osservati speciali.

Eba: più rischi che in passato per il settore bancario

Con cadenza biennale, l’autorità europea monitora la resilienza e la solidità patrimoniale bancaria coi propri test. Obiettivo dell’analisi, prevenire che la fragilità di un istituto possa minacciare la tenuta del sistema nel suo insieme.

L’Eba non ha facoltà di bocciare o promuovere un istituto di credito, ma offre la base di analisi alle decisioni della banca centrale europea. A inizio dicembre la Bce effettuerà infatti la propria valutazione sugli Srep, i requisiti minimi di capitale, partendo proprio dal risultato degli stress test.

Eba: analisi di scenario e decisione sugli istituti italiani

Rispetto al 2016, lo scenario di riferimento risulta oggi meno accomodante, sia su scala mondiale, che a livello europeo.

Tra i rischi evidenziati dall’autorità vi sono: la ripresa dei premi al rischio sui mercati finanziari globali, il calo della redditività bancaria legato alle sfide strutturali, i rischi di liquidità per il settore finanziario non bancario e la sostenibilità del debito sia pubblico che privato.

Da attese, nessun istituto italiano dovrebbe mostrare criticità rilevanti. A pesare sul patrimonio di prima qualità (Cet1, centrale per l’analisi che effettuerà la Bce) potrebbe essere l’aumento dello spread registrato negli ultimi periodi, che deriva da un incremento dei rendimenti dei titoli di stato decennali italiani e, dunque, da una loro minore appetibilità sul mercato. I BTP, detenuti in larga parte dalle banche del Bel Paese, sono tra le prime voci a composizione del Cet1.

L’Eba su Deutsche Bank

Interessante sarà vedere il trattamento tenuto dall’Eba sui titoli illiquidi, specie per le realtà di credito francesi e tedesche. Nel caso di specie, Deutsche Bank dovrebbe aver superato i test, nonostante la pressione derivante dalla bocciatura ottenuta dalla Fed negli stress test americani lo scorso giugno.

Tra gli istituti di credito italiani interessati dalla review europea, Intesa Sanpaolo., Unicredit, Ubi banca e Banco BPM; assente nella lista banca Monte dei Paschi di Siena, già richiamato ad un aumento di capitale precauzionale.

In una giornata positiva per le borse di tutto il mondo, anche il comparto bancario italiano tiene bene: Intesa segna a metà mattina +1,5%; UniCredit +2%; Ubi +2,5%; BPM +3,5%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.