Amazon: le spedizioni in un giorno fanno scendere gli utili, bene i servizi web

Il numero uno dei servizi di spedizione prevede grandi investimenti per spingere le vendite (e il margine lordo scende)

Trimestrale controversa per Amazon, che chiude a settembre 2019 con un fatturato di 70 miliardi di dollari (il 24% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e oltre le aspettative dei mercati, a 68 miliardi). Eppure, l’utile per azione risulta 4,23 dollari (rispetto ai 4,62 dollari attesi) e il profitto netto scende del 26% rispetto al 2018, a 2,1 miliardi di dollari: risultati che deludono Wall Street, dove il titolo ha perso circa il 9% nelle contrattazioni prima dell’apertura.

Registrato anche un margine operativo lordo di 35,3 miliardi di dollari (+33% rispetto al 2018), mentre l’ebit è aumentato a 23,5 miliardi.

A cosa è dovuto il calo degli utili?

Amazon soffre per il rallentamento generale dei sistemi di e-commerce e la strategia, implementata a partire dal 2018, con cui ha cercato di reagire. L’azienda di Jeff Bezos ha infatti speso oltre un miliardo e 500 milioni di dollari nei primi sei mesi dell’anno per permettere spedizioni in un giorno e, così, sperare di aumentare le vendite.

In effetti, le vendite sono aumentate – il trimestre in questione conta anche i dati dell’Amazon Prime Day, un giorno di spedizioni in giornata e senza costi aggiuntivi per tutti i clienti (non solo quelli premium), che l’azienda ha definito “il più grande evento di shopping della storia”.

Il vasto programma di spese ha tuttavia rallentato la crescita di Amazon, che arrivava da un 2018 già abbastanza impegnativo – già dalla pubblicazione dell’ultima trimestrale del 2018 si prospettava la necessità di ingenti investimenti. Pesa inoltre anche la preoccupazione degli investitori su quanto a lungo possa durare un eventuale trend rialzista per un colosso delle dimensioni di Amazon, soprattutto in considerazione della situazione di incertezza economica internazionale.

Come se la cava il settore Amazon Web Service?

Meglio invece i risultati ottenuti con i servizi web di Amazon, l’asset di cloud computing su cui l’azienda ha iniziato a puntare da qualche anno e sul cui mercato si è già imposta come azionista principale. Proprio in considerazione degli Aws (Amazon Web Services), gli analisti si aspettano una crescita sostenuta, a dispetto di un calo generale del profitto dell’azienda stimato al 20%. Aws ha registrato un risultato operativo da 2,26 miliardi di dollari, il 9% in più rispetto all’anno scorso (ma comunque sotto i 2,55 miliardi attesi).

Oltre ai nuovi servizi (music, ma soprattutto video), Aws registra un risultato particolarmente positivo quando si tratta del fatturato derivante dalle pubblicità. I ricavi per il settore Aws ammontano a 9 miliardi: comunque meno rispetto ai 9,1 miliardi attesi dagli analisti.

Quali prospettive future?

Amazon si aspetta una serie di spese nei prossimi mesi che potranno impattare notevolmente sui profitti. Per l’ultimo quarto del 2019, la guidance prevede il risultato operativo in calata tra 1,2 e 2,9 miliardi (di gran lunga inferiore ai 4,2 miliardi delle attese) e ricavi stimati tra gli 80 e gli 86,5 miliardi di dollari. Un cattivo segnale per i mercati, considerando che il dato include anche gli acquisti natalizi, tanto che i risultati attesti si aggiravano intorno agli 87,4 miliardi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri le opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000 mercati.

Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.