Usa-Cina, chiusi i colloqui. Questione dazi? Per ora, solo ampi dialoghi

Termina l'incontro a Pechino tra i rappresentanti di governo dei presidenti Donald Trump e Xi Jinping. Sulle borse pesano dati cinesi in calo. Attesi interventi per scongiurare il rischio deflazione.

China
Fonte: Bloomberg

Prezzi alla produzione cinese più deboli delle attese, in crescita ad un ritmo inferiore rispetto agli ultimi due anni. All'interno di un contesto più disteso sul fronte commerciale (dopo i colloqui tenutisi negli scorsi giorni tra l’amministrazione del presidente americano, Donald Trump, e i rappresentanti del presidente cinese, Xi Jinping), il rallentamento del Dragone torna a far preoccupare i mercati, che già si aspettano una contromossa governativa a sostegno della stabilizzazione economica (e che scongiuri una situazione di deflazione).

Il calo dei prezzi dei prodotti non alimentari (Cpi) ha spinto a ribasso, su base annua, l’inflazione del mese di dicembre, salita dell'1,9% rispetto all'anno precedente, ma in calo rispetto al 2,2% di novembre e al di sotto delle attese di crescita al 2,1%. L'obiettivo del governo per l'anno in corso si attesta intorno al 3%.

News solo in parte positive sono giunte anche sul fronte produttivo: l'indice dei prezzi alla produzione (Ppi) è salito a dicembre dello 0,9% rispetto all'anno precedente, risultando però inferiore alle attese più dell'1,6%. A novembre l'indice era cresciuto del 2,7%.

Le borse asiatiche hanno risposto in maniera coerente agli eventi di mercato, beneficiando della possibilità d’intesa tra Pechino e Washington (e di maggiori stimoli da parte del Governo all’economia), ma scontando la negatività dei dati. Tokyo ha perso circa l’1,3%, Shanghai è calata dello 0,2%, in linea con Taiwan. Hong Kong ha terminato gli scambi in area neutra, mentre Singapore, beneficiando delle migliori aspettative legate al commercio globale, è cresciuta di mezzo punto percentuale.

Tra le misure di stimolo all’economia, il Dragone potrebbe valutare l’eventuale taglio dei tassi d'interesse di riferimento.

Dialoghi Washington-Pechino: punti chiave e cosa cambia

Fonti vicine a Pechino hanno fatto sapere, a termine dei lavori, che i colloqui tra Cina e Stati Uniti sono stati condotti non a livello ministeriale, ma hanno riguardato numerosi argomenti e hanno contribuito a stabilire le basi per porre fine a reciproche rivendicazioni.

I rappresentanti del dipartimento americano hanno sottolineato “la necessità che la Cina avvii cambiamenti strutturali" su materie quali il trasferimento di tecnologie, la protezione della proprietà intellettuale e i furti cibernetici; il ministero del commercio cinese ha invece annoverato tra i punti d’intesa con gli Stati Uniti la necessità di proseguire con le negoziazioni.

Tra gli argomenti caldi, la promessa fatta dalla Cina di acquistare una quantità “considerevole” di beni manifatturieri, energetici e agricoli nonché prodotti e servizi di altro genere dagli Stati Uniti.

I prezzi del petrolio, in scia al rinnovato ottimismo, sono tornati a crescere al di sopra dei 51 dollari al barile (brent sopra ai $60), complice anche un biglietto verde che resta sulla difensiva.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.