Trump alza i dazi: torna la paura guerra commerciale. Shanghai cede il 5,5%, petrolio in calo

Petrolio in picchiata, borse in profondo rosso. Donald Trump rompe la tregua con la Cina e dispone il rialzo delle tariffe dal 10 al 25% da venerdì prossimo, su $200 miliardi di merci cinesi. Su Twitter: troppe rinegoziazioni.

Trump Cina Fonte. Bloomberg

Donald Trump torna allo schema originale e dispone il rialzo dei dazi sull’import cinese a partire da venerdì prossimo. Sale così a 250 miliardi di dollari il controvalore di merci vessate dalle tariffe a stelle e strisce, con conseguenze immediate sui mercati finanziari.

Prezzo del petrolio in calo. EurUsd sotto 1,12

I listini europei hanno aperto la giornata di lunedì tutti in territorio negativo, con ribassi tra l'1,5 e il 2%. Il petrolio ha perso terreno, col Wti tornato in area $60,50 ed in Brent sceso al di sotto dei 70 dollari al barile. Apprezzamento per il biglietto verde, che ha confermato la debolezza del cambio euro/dollaro al di sotto del supporto a 1,12; lo yuan è sceso contro dollaro di quasi un punto percentuale, arrivando a cedere oltre l’1,2% sullo yen giapponese (con la borsa di Tokyo chiusa fino a domani, dopo la Golden week).

Profonbdo rosso anche per l’equity cinese: Shanghai ha chiuso la prima seduta di contrattazioni settimanali in calo del 5,5%, seguita dal -3% di Hong Kong e Singapore; le blue-chip cinesi hanno perso oltre il 6%, nonostante la mossa della banca centrale PBoC di tagliare i requisiti di riserva per le banche di piccole dimensioni contribuendo così a rilanciare i prestiti alle piccole e alle imprese private.

Secondo anticipazioni della stampa locale, la Cina starebbe valutando di cancellare del tutto i colloqui in corso.

Donald Trump: dazi dal 10 al 25%

La decisione del Presidente americano di portare i dazi dal 10 al 25% arriva a poche ore dall’11° round di negoziati tra Stati Uniti e Cina che, dopo i “progressi” della scorsa settimana, avrebbe dovuto porre basi quasi definitive al deal tra le due maggiori potenze mondiali. Washignton e Pechino avevano fissato una tregua nel corso del G20 d’Argentina, concedendosi 90 giorni di tempo per discutere di come regolare e bilanciare i propri rapporti commerciali.

A far perdere la pazienza all’amministrazione Trump sarebbe stata la continua richiesta da parte della Cina di rinegoziare i termini del piano. Mentre il Dragone si era infatti offerto fin dal principio di incrementare il proprio export dagli Stati Uniti, così da appianare il deficit commerciale tra i due paesi (specie per il settore energetico ed agricolo), le parti non sarebbero riuscite a trovare un punto d’incontro sul fronte tecnologico, vero centro di discussione. Per Washington, la Cina non ha intenzione di impegnarsi a sufficienza per tener fede alle richieste della potenza occidentale, relative a furto di proprietà intellettuale, cybersecurity e spionaggio aziendale, trasferimento forzoso di tecnologia.

Trump su Twitter, tra Cina e tecnologia

“Per 10 mesi, la Cina ha pagato tariffe del 25% agli Stati Uniti su 50 miliardi dollari di prodotti High Tech e del 10% su 200 miliardi dollari di altri beni. Tali pagamenti sono parzialmente responsabili dei nostri grandi risultati economici” ha commentato su Twitter il Presidente americano. “Venerdì quel 10% arriverà al 25%. Altri 325 miliardi di dollari di merci diverse importate dalla Cina verranno tassate, ma solo sul breve termine, ad un tasso del 25%” ha quindi proseguito Trump, confermando l’appellativo da lui stesso utilizzato “tariffman”.

“Le tariffe pagate agli Stati Uniti hanno avuto scarso impatto sui conti dei prodotti, andati per lo più a carico della Cina. La ricerca di un accordo commerciale con la Cina prosegue” ha concluso Trump, “ma troppo lentamente, mentre continuano a chiedere rinegoziare. No!”.

Guerra commerciale: torna la paura sui mercati

Tra le conseguenze certe, se Trump confermasse la propria decisione, riportando in auge il timore di protezionismo, guerra commerciale e chiusura, su tutti mercati si potrebbe assistere a forti pressioni ribassiste. Una situazione, questa, che non giocherebbe a favore del Presidente che più volte ha evidenziato la positiva performance dei corsi azionari, imputandosi il merito di avere contribuito a tali rialzi con stimoli sul fronte fiscale ed industriale.

Dal canto opposto, un ritorno dei rischi commerciali e geopolitici potrebbero spingere le banche centrali ad adottare in maniera più decisa politiche stimolanti, a partire da quelle asiatiche, che già questa setrtimana si incontreranno per decidere se e di quanto ridurre i loro tassi ufficiali.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite e superare anche l'importo investito. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.