Schiarite sulla Brexit: apertura dei Tory più scettici a May. Nodo cruciale, il backstop d'Irlanda

Brexit verso il rinvio? Brexit verso il no-deal? Brexit verso l'accordo? Le nuovi sull'uscita del Regno Unito dall'Ue sono ancora tante. Segnali di apertura rinfrancano però gli animi. Effetti sulla sterlina.

Fonte: Bloomberg

Brexit, troppe nubi all’orizzonte, ma con qualche speranza in più. Se la scorsa settimana il refrain della questione inglese è stata la possibile estensione dell’Articolo 50 oltre il termine del 29 marzo, l’ottava che si apre oggi pare concentrarsi su un’altra parola: apertura.

Brexit news: il conto alla rovescia

A 25 giorni dal termine fissato per l’uscita inglese dall’Unione e a meno di 10 giorni dal voto del 12 marzo in cui il Parlamento si esprimerà nuovamente sull’accordo May, otto deputati in rappresentanza dei Tory più euroscettici e degli esponenti della destra unionista dell’Irlanda del Nord hanno mostrato maggior apertura circa la possibilità di votare a favore del deal. Questo, a condizione che il governo sigli con Bruxelles una clausola a garanzia di una estensione senza scadenza dell’accordo volto a mantenere aperto il confine irlandese (clausola temporanea del backstop) il cui valore legale dovrà esser assicurato dall'attorney generale, Geoffrey Cox. La clausola di backstop prevede che l’Irlanda del Nord continui a far parte dell’Unione doganale anche dopo l’uscita del Regno Unito dall’Unione.

La conferma sarebbe arrivata per iscritto in una lettera anticipata dal Sunday Times ed inviata dai diretti interessati a Theresa May, una news che è stata letta dai mercati come un’ulteriore passo avanti per scongiurare l’avvento di una Brexit no-deal, la peggiore delle situazioni possibili per tutte le parti in causa.

Modifiche all'accordo May: un backstop senza scadenza

Ad appoggiare la proposta di un'aggiunta al testo inbiziale, è stato anche il ministro Liam Fox, tra i più convinti brexiteers, che ha accolto positivamente lo "sforzo genuino di cercare un terreno comune", commentando invece come "completamente inaccettabile" l’idea di votare a favore di una dilazione del termine col fine di “sabotare” la realizzazione della Brexit.

Segnali di apertura si sarebbero inoltre iniziati a registrare da Bruxelles: il responsabile Ue alle trattative sulla Brexit, Michel Barnier, ha affermato che l’Unione potrebbe valutare la possibilità di fornire ulteriori garanzie sulla natura al momento temporanea del backstop irlandese.

Brexit: Bruxelles apre al rinvio, ma con un piano preciso

L’Europa sarebbe inoltre aperta ad una eventuale richiesta inglese di estendere l’Articolo 50, chiedendo però, nel caso si verificasse tale situazione, un chiarimento degli obiettivi che il Regno Unito intende perseguire.

Qualora Londra presentasse tale richiesta, gli Stati membri dell’Unione dovranno esprimere un parere unanime entro il prossimo 21 marzo. Prima di tale data, in linea di massima, gli inglesi potrebbero già essere andati incontro ad un triplice voto: quello del 12 marzo, sul May deal, quello del 13 marzo, sull’eventuale consenso ad una Brexit senza accordo, e quello del 14 marzo, circa l’estensione dell’articolo 50 oltre la scadenza del 29 marzo.

Analisi del cambio GBP/USD

Alle notizie di una maggior apertura sia interna al Regno Unito, che esterna ad esso (Bruxelles), il pound ha consilidato gli apprezzamento dell'ultimo periodo.

"Il cambio GBP/USD" commenta Vincenzo Longo di IG "sta correggendo dopo il rally delle scorse sedute, che l’ha portato a rivedere i massimi da luglio scorso, a 1,3350. Ci aspettiamo ulteriori risalite nel caso l’incubo di una hard Brexit o di una no-deal Brexit dovesse dissolversi ulteriormente".

"Il principale target al momento è 1,37. La discesa tornerebbe a preoccupare invece in caso di sfondamento del supporto a 1,30, con il pericolo di in ritorno verso i minimi di inizio anno che potrebbero concretizzarsi".

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.