Rating USA: tripla A a rischio. Fitch lancia l'allarme shutdown. Trump fermo sul muro

Dopo 19 giorni di blocco delle attività amministrative, l'agenzia di rating americana lancia il warning sul giudizio degli Stati Uniti. Nel pomeriggio, i democratici alla Casa Bianca per discutere del muro col Messico.

Shutdown
Fonte: Bloomberg

Shutdown: letteralmente, arresto del sistema operativo; praticamente, la situazione che blocca gli Stati Uniti da ormai 19 giorni, a causa del mancato accordo sul finanziamento delle attività amministrative.

A bloccare il Congresso americano, ancora una volta, la costruzione del muro al confine col Messico, sul quale il Presidente Donald Trump non intende fare passi indietro, mentre i democratici rifiutano lo stanziamento di fondi. Complessivamente, il costo della misura si attesta a 5,7 miliardi di dollari.

In attesa di sviluppi nelle trattative tra repubblicani e democrativi, puntuale è arrivata oggi l’opinione dell’agenzia Fitch, che ha diramato un warning sul rating del debito sovrano statunitense, passibile di perdere la tripla A. Donald Trump, dal canto suo, è invece tornato ad incalzare: che si tratti di una barriera d’acciaio o una parete di cemento, il muro si farà.

Shutdown: cosa sta accadendo negli Stati Uniti

Mentre qualcosa si sta sbloccando sul fronte commerciale (con la decisione di prolungare di un giorno i colloqui con Pechino a fronte del positivo esito delle trattative per porre fine alla guerra tariffaria), tutto è ancora fermo quando si guarda all’amministrazione americana.

"Qualora lo shutdown dovesse continuare fino al primo marzo e la decisione sul tetto del debito dovesse diventare un problema, allora dovremmo iniziare a preoccuparci anche del quadro politico, dell'impossibilità di stendere la legge di bilancio e della effettiva compatibilità di un rating tripla A con tale contesto". Ha commentato così il responsabile globale dell’agenzia di rating Fitch, James McCormack, preoccupato che lo stallo governativo a stelle e strisce possa finire per aprire nuovi ostacoli per i lavoratori (sono 800 mila i dipendenti che non stanno percependo il proprio salario), l’economia ed il mercato a stelle e strisce.

Stati Uniti a rischio downgrade?

L’allarme lanciato da Fitch sul rating del debito sovrano statunitense apre all’eventualità di un possibile, futuro downgrade della prima economia al mondo, nel caso in cui lo shutdown dovesse portare il Paese a sforare il tetto del debito e ad ostacolare la legge di bilancio. Il warning fa seguito al discorso tenuto ieri dallo stesso Trump nell'ufficio Ovale, nel quale il Tycoon ha ribadito che “la crisi umanitaria e di siciurezza nazionale si sta aggravando” ed è quindi necessario agire per la costruzione di un muro “essenziale che si ripagherà da solo”.

A detta del Presidente Usa, i democratici starebbero ignorando volutamente il problema, negando “la tragica realtà dell’immigrazione illegale” che riguarda donne molestate, bambini utilizzati come merce di scambio per oltrepassare il confine, il gasdotto per le droghe che dilagano nel Paese e le morti in Georgia e California da parte di chi “non ha diritto a Stare negli Stati Uniti”. E ancora “immorale non è il muro, ma i politici che non fanno nulla”.

Nel pomeriggio di oggi i democratici si recheranno alla Casa Bianca per cercare di porre fine ad uno shutdown durato troppo a lungo, che, tuttavia, ancora sembra lontano da un accordo.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.