Brexit: il parlamento boccia l'accordo May. Corbyn: mozione di sfiducia. Nuovo countdown

La Camera dei Comuni vota no alla proposta May di uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Sconfitta 432 a 202. Il governo inglese ha tre giorni lavorativi per trovare un piano B.

Theresa May
Fonte: Bloomberg

Theresa May sconfitta 432 a 202: palla al centro e pressing sulla Brexit.

Mentre il Parlamento inglese si prepara ad un nuovo voto di sfiducia (questa volta chiamato dall’opposizione dei laburisti) il mercato si interroga quali saranno le prossime mosse.

Brexit, via al coutdown: mancano 72 giorni

Mancano poco più di due mesi al 29 marzo e, ancora una volta, tutto sembra possibile, meno che un finale certo. Dopo aver respinto l'accordo sulla Brexit raggiunto dal Primo Ministro, Theresa May, assieme con Bruxelles, il governo della corona dovrà ora trovare un'alternativa migliore, in grado di raccogliere la maggioranza alla Camera dei Comuni, obiettivo tutt’altro che facile, considerata la schiacciante sconfitta.

Brexit news: le prossime tappe. Tre giorni per trovare un piano B

Dopo la bocciatura degli emendamenti presentati appena prima del voto definitivo martedì sera (che sarebbero serviti a far digerire meglio un accordo inviso sia ai remainers, che ai brexiteers), l’amministrazione May avrà ora tempo tre giorni lavorativi (grazie alla proposta dell’ex procuratore generale, il conservatore Dominic Grieve, votata sul finire della scorsa settimana) per valutare un piano B, ammesso che ce ne sia uno.

La palla passa così, nuovamente, alla discussione parlamentare.

Brexit, cosa succede ora: gli scenari possibili

Tra le fazioni dei Remainers, favorevoli alla permanenza nell'Ue, sono emerse indiscrezioni secondo cui un gruppo di parlamentari, compresi ex ministri conservatori, starebbero collaborando all'introduzione di misure che renderebbero più facile per i parlamentari proporre nuove leggi e circumnavigare il potere esecutivo del governo. Ciò consentirebbe di bloccare una Brexit senza accordo e di tenere un secondo referendum che offra due opzioni: l'accordo sulla Brexit di May o il no Brexit.

Tra i Brexiteers più convinti vi sono invece coloro che accoglierebbero con favore la prospettiva di lasciare l'UE senza un accordo e di ricorrere alle regole dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) per gestire i traffici transfrontalieri. Il no-deal rappresenterebbe una forma di default che, di fatto sarebbe dichiarata al momento dell’uscita del Regno Unito dall’Ue, il prossimo 29 marzo.

Vi sono quindi i Remainers osservanti del voto, che hanno votato per rimanere nell’Unione ma che da allora si sono impegnati a fornire un sostegno affinché la decisione del popolo fosse rispettata. Il piano di ministri quali Amber Rudd e David Gauke è tenere una serie di voti indicativi sulle varie opzioni d’attuazione della Brexit, al fine di ottenere un maggior consenso. I dettagli di tale strategia risultano ad ora ancora fumosi.

Infine, i laburisti. Il partito avversario di Theresa May, sta prendendo tempo sulla richiesta di andare ad un secondo referendum (opzione che, alle attuali condizioni, necessiterebbe di un periodo di tempo troppo lungo), mentre il leader della fazione, Jeremy Corbyn, ha annunciato la mozione di sfiducia al governo della premier. Nel caso in cui dovesse passare il voto di sfiducia, l’attuale esecutivo verrebbe sollevato dall'incarico ed il Regno Unito sarebbe destinato ad elezioni anticipate. Al momento, l’unica certezza di voto è il termine di mercoledì alle ore 9:00 (8pm).

Corbyn, che ha sfidato apertamente il governo in carica, sa di avere una sola possibilità.

Brexit: effetti post voto sul mercato valutario

A livello di mercato valutario, la sterlina ha risentito positivamente della possibilità di una nuova apertura del Regno Unito all'Unione e di un parlamento intenzionato a valutare nuove soluzioni. A mancato accordo avvenuto sulla Brexit, il pound si è apprezzato contro euro dello 0,6%, sui massimi da fine novembre 2018, recuperando anche le perdite inizialmente registrate sul cambio GBP/USD.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.