NFP: splende il mercato del lavoro Usa. Balzo a dicembre, sale il dollaro

Crescono i nuovi posti di lavoro del settore non agricolo a dicembre: +312mila contro attese a 178mila. Salgono disoccupazione e tasso di partecipazione al mercato. Usd: +0,35%

Usa
Fonte: Bloomberg

Buste paga del settore non agricolo sui massimi da nove mesi: così Donald Trump porta a casa l’ennesimo risultato positivo di un 2018 al fulmicotone, mettendo a tacere le voci di coloro che male avevano reagito ieri al calo dell’indice ISM manifatturiero a stelle e strisce (in crescita, ma ad un ritmo meno sostenuto) per l’ultimo mese di 2018.

Positiva la reazione di Wall Street, che ha aperto l'ultima seduta di settimana in territorio largamente positivo; buono il rialzo dell'indice Dow Jones, che ha avviato le contrattazioni in area +1,4%, passando in breve tempo ad una perdormance del 2,5-3%.

La palla passa dunque alla Federal Reserve che, di fronte ad un’economia che continua a tirare, non avrà molte giustificazioni per deviare dal proprio piano di aumento dei tassi d’interesse intrapreso sul finire del 2015 ed intensificatosi a partire dal 2017.

Con 312 mila nuovi impieghi non-farm creati nel mese di dicembre (contro attese a 178 mila) il mercato statunitense si conferma vivo e solido, nonostante l’aumento del tasso di disoccupazione, salito dello 0,2% al 3,9%, soglia che certifica comunque la quasi totale occupazione.

L'incremento del tasso di disoccupazione è tuttavia da leggere alla luce del rialzo del tasso di partecipazione al mercato del lavoro, passato al 63,1%, sui massimi dal 2014.

Non-farm payrolls: cosa sono, quanto impattano

L'indice Nonfarm Payrolls (che quantifica il numero dei nuovi salariati del settore non agricolo) è tra i dati più rappresentativi del mercato a stelle e strisce: il totale dei salariati non-farm, rilasciato ogni primo venerdì del mese, rappresenta infatti l'80% circa di tutti gli aventi impiego negli Stati Uniti, che partecipano dunque alla formazione del Prodotto interno lordo della Regione.
La positività legata ad un mercato del lavoro più dinamico delle attese ha portato il dollaro americano a consolidarsi, spingendo il biglietto verde a rialzare la testa (+0,35%) dopo i recenti cali. Contestuale è stato inoltre il rialzo del rendimento sul Treasury americano, venduto nelle fasi di maggior fiducia.

Complessivamente, il 2018 ha visto la creazione di 2,6 milioni nuovi posti di lavoro, in crescita rispetto ai 2,2 milioni del 2017.

Da una panoramica più ampia del lavoro Usa, il mercato ha accolto con entusiasmo la rilevazione sul salario orario medio percepito, cresciuto a dicembre dello 0,4%, corrispondente ad un incremento annuo del 3,2% (contro attese al 3%).

Nel pomeriggio, intanto, è attesa la dichiarazione del Governatore della Fed, Jerome Powell, che interverrà ad Atlanta assieme ai predecessori, Janet Yellen e Ben Bernanke.

A proposito, hanno commentato i nostri analisti, “sul fronte di politica monetaria, continuiamo a credere che la Fed prenda atto del sensibile aumento dei rischi dell’economia globale e preferisca attendere maggiori indicazioni prima di riprendere il sentiero dei rialzi dei tassi d’interesse”.

Al momento, “escludiamo un passo indietro, ovvero un taglio dei tassi, manovra che non sarebbe giustificata dai fondamentali macroeconomici”.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.