Modifiche all'accordo May-Juncker: Irlanda al centro di tutto. Brexit al voto: verso il sì?

Rialzo consistente per la sterlina: bene la coppia GBP/USD, cala EUR/GBP ai minimi da 22 mesi. Theresa May e Jean-Claude Juncker fissano tre nuovi punti. Focus: backstop d'Irlanda. Oggi il voto in Parlamento (7pm).

Fonte: Bloomberg

Tra le poche certezze che contraddistinguono questa Brexit, ve n’è una che sovrasta tutto il resto: la centralità dell’Irlanda e l’importanza del suo confine di mezzo, quello che separa la parte europea dal regno a nord di dominio inglese.

Theresa May da Jean-Claude Juncker: le clausole del backstop

E’ da qui che sono partiti Theresa May e Jean-Claude Juncker ieri sera, quando si sono trovati a discutere, ancora una volta, del labile confine che definisce un accordo ancora poco chiaro. Netto rialzo della sterlina e rinnovata fiducia degli operatori, che vedono ora qualche spiraglio di luce in più alla fine del tunnel che porterà il Regno Unito fuori dall’Unione europea.

Nel giorno in cui il Parlamento della corona si troverà ad esprimere nuovamente il proprio giudizio circa l’accorto a firma May, le probabilità di un voto favorevole da parte dei rappresentanti alla Camera sembrano pendere dalla parte del primo ministro. Nel tentativo di sbloccare le trattative che congelato la questione inglese, May e Juncker hanno fatto un passo indietro, proponendo tre modifiche che, seppur piccole potrebbero muovere l’ago della bilancia.

Il voto di oggi è atteso attorno alle 20 ora locale (7pm inglesi), dopo un dibattito che durerà per l’intera giornata.

Brexit news: i tre nuovi punti dell'accordo

Al centro di tutto, il backstop irlandese, la soluzione temporanea che scatterebbe a partire dal 2021 (dopo la fine del periodo transitorio a dicembre 2020) per far sì che non venga ripristinato un rigido confine interno al Paese (tra Irlanda europea ed Irlanda del Nord). La questione è stata dibattuta fin dal principio perché, seppur a nessuno convenga il ripristino di un confine chiuso, i più convinti sostenitori della Brexit temono che l’apertura del confine implichi il restare ancora una volta legati all’Unione europea.

Anzitutto May e Juncker avrebbero siglato una dichiarazione “legalmente vincolante” che permetterà ad entrambe le potenze di chiamarsi fuori dal backstop qualora l’altra parte non dovesse negoziare in “buona fede” per trovare un accordo definitivo che risolva il problema irlandese. Qualora una delle due parti non dovesse impegnarsi per risolvere il problema, l’altra potrebbe fare ricorso ad un arbitrato dall’esito vincolante e decidere di abbandonare unilateralmente l’accordo.

May e Juncker hanno quindi espresso parere concorde circa la necessità di mettersi da subito all’opera affinché, concluso il periodo di transizione a dicembre 2020, si abbia pronta una soluzione circa le reciproche relazioni con le Irlande. Il fine di ciò sarebbe rassicurare i conservatori che vedono nel backstop il rischio di restare intrappolati nella macchina dell’Unione.

Da ultimo, un “soliloquio” all’inglese. May ha infatti riferito che il Regno Unito pubblicherà una propria “interpretazione unilaterale” circa l’accordo per Brexit. Tale interpretazione dovrebbe argomentare come la Gran Bretagna avrà diritto ad abbandonare il backstop in ogni caso, se si arrivasse d un punto morto. Tale ultimo punto potrebbe esser inserito per motivare gli inglesi, senza però alcun effetto vincolante per le parti in causa.

Vola la sterlina: su GBP/USD, EUR/GBP ai minimi da 22 mesi

In attesa del voto di questa sera e a partire dalla serata di ieri, la sterlina ha tracciato un forte movimento a rialzo. Il cambio GBP/USD è passato in poche ore dal livello a 1,2960 ad un massimo di giornata a 1,3300, consolidandosi poi sopra area 1,3200.

Forte apprezzamento del pound anche contro la moneta unica: la coppia EUR/GBP è arrivata a toccare ieri un minimo a quasi due anni a 0,8475, in negativo dell’1,6%, soffermandosi quindi entro 0,8500 e 0,8520.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.