Mercato del lavoro Usa a più velocità: crescono i posti di lavoro, sale la disoccupazione, deludono i salari

Non-farm payrolls: 304 mila nuovi posti di lavoro creati a gennaio, oltre le attese a 165 mila. Disoccupazione torna al 4%. Male i salari medi, barometro del tasso d'inflazione futura. Dollaro prima si apprezza, poi cala

Fonte: Bloomberg

Dopo la Federal Reserve, anche il mercato del lavoro si prende del tempo per pensare.A gennaio l’economia a stelle e strisce ha registrato 304 mila nuovi posti di lavoro, ben oltre i 165 mila previsti. Il Bureau of Labour Statistic ha però dovuto rivedere a ribasso le rilevazioni dello scorso mese, abbassando di 90 mila unità le buste paga di nuova emissione di dicembre, cosa che potrebbe succedere nuovamente il mese prossimo, qualcosa, anche a causa del blocco federale che ha congelato l'amministrazione pubblica americana per più di un mese.

Male la variazione delle buste paga del settore manifatturiero, calate a 13 mila unità con tro attese a 17 mila (ed un dato precedente a 20 mila).

Ad imboccare la via della “pazienza”, la stessa proclamata dal governatore della Fed, Jerome Powell, al termine del meeting dell’istituto centrale americano di mercoledì, è stata anche la rilevazione sul livello di disoccupazione a stelle e strisce, cresciuta al 4%, rispetto ad un livello precedente stabile al 3,9%.

Tra tutti i dati, ad attirare l’attenzione ancora una volta è quello sul salario orario medio mensile, salito allo 0,1%, inferiore alle attese di +0,3%. Un incremento di quanto percepito in busta paga tende al portare a rialzo la propensione dei lavoratori a spendere, portando a rialzo i livelli di acquisto, il tasso d’inflazione e dunque, i rendimenti in generale.

Contrastata, infine, la reazione del dollaro che, sul subito ha guadagnato terreno sospinto dal livello di nFP sopra le attese, ma che ha velocemente poi perso posizioni, arrivando a cedere contro euro lo 0,3%.

Non-farm payrolls: l'analisi dei dati

“Le figure di gennaio, sorprendenti al primo sguardo, vengono ridimensionate dalla pesante revisione del dato di dicembre” commenta l’analista, Vincenzo Longo. “Non è ancora ben chiaro l’effetto dovuto allo shutdown, pertanto anche i dati di gennaio potrebbero essere distorti. Ci aspettiamo ancora revisioni nei prossimi mesi".

Al di là di tutto, "l’economia statunitense continua a rimanere forte.Per ora non emergono ancora segnali tangibili dovuti alla revisione al ribasso degli outlook di molte grandi aziende Usa, che potrebbero tradursi presto in licenziamenti. Le cose, insomma, potrebbero cambiare nei prossimi mesi, soprattutto se lo stallo tra Cina e Usa sul fronte commerciale dovesse protrarsi”.

Relativamente, infine, all’approccio che la Fed deciderà di adottare da qui alle prossime riunioni, “i dati non cambiano di molto il quadro Fed, almeno nel breve, posto che si andrà verso una pausa nel rialzo dei tassi almeno fino all’estate” ha concluso Longo.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.