Market Update - PMI piegano l'Europa

Brutta inversione per le borse europee in quest'ultima seduta di settimana, con gli indici ora tutti in territorio negativo dopo una partenza timidamente positiva. A deprimere il sentiment degli investitori sono stati i pessimi dati arrivati dalle stime flash degli indici PMI di marzo, dove è stata registrata un peggioramento della contrazione dell'attività manifatturiera. Il dato è sceso ai minimi dall'estate 2012, con la componente dei nuovi ordini che è risultata la peggiore. Con la Bce che ha spiegato ormai le sue carte fino a settembre, gli operatori sembrano essere stati un po' sorpresi da queste nuove indicazioni, quando ormai si pensava che il peggio fosse alle spalle.

Non contribuisce a rasserenare gli animi, neanche l'evoluzione della Brexit dopo il Consiglio europeo di ieri sera dove è stata concessa una proroga a Theresa May per far passare l'accordo entro il 12 aprile. Nel dettaglio, se l'accordo dovesse essere approvato entro la prossima settimana, allora l'estensione dei termini della Brexit andrebbero al 22 maggio, poco prima del voto delle europee.
L'alternativa è cercare di raggiungere un accordo entro il 12 aprile, altrimenti a quella data si aprirebbero due scenari: No Deal o estensione lunga.

Sui mercati, euro sotto pressione stamane verso le principali valute mondiali. Debole anche la sterlina. Il risk off premia il Bund il cui rendimento sul decennale è tornato a 0, minimi da due anni e mezzo. Anche dall'altra parte dell'oceano lo yield sul Tnote è sceso sotto 2,50, minimi da 14 mesi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.