Market Update - Manifattura crolla in Europa, investitori sperano nella Bce

Le stime flash degli indici PMI sono scese ai minimi da 7 anni in Germania. Crolla anche Deutsche Bank dopo i conti.

Europa in frazionale calo stamane, in una seduta caratterizzata per lo più dai brutti dati macro arrivati dalle stime flash degli indici PMI di luglio. A spaventare gli operatori sembrano essere per lo più i dati del comparto manifatturiero che hanno raggiunto i nuovi minimi da 84 mesi in Germania e da 75 nell'intera Eurozona. Un chiaro segnale questo di come l'Europa paghi il conto più salato della diatriba commerciale tra Usa e Cina.

I dati hanno alimentato vendite sui listini, che avevano aperto in lieve territorio positivo, ma è l'euro a pagare il conto più salato, con le vendite che hanno spinto il cambio EurUsd verso i minimi da quasi 2 mesi, vicino ai bottom annuali da 1,1110. Se le aspettative di una Bce più accomodante controbilanciano le vendite sull'azionario, la stessa cosa non vale per il valutario. I dati odierni a nostro avviso non creano aspettative per un'azione domani della Bce e neanche spostano quelle di settembre che vedono un taglio dei tassi di 10 pb sui depositi e la nuova TLTRO, Piuttosto gli investitori puntano ad accelerare i tempi per il nuovo QE.

Sempre in Europa, il sentiment viene appesantito anche dal crollo di Deutsche Bank (-5%) dopo i conti, con una perdita da 3,15 mld euro nel trimestre, ben oltre il consenso del mercato.

Tra le valute, recupera terreno la sterlina in vista della proclamazione ufficiale di oggi di Boris Johnson come premier successore di Theresa May. Sebbene il recupero sia ancora contenuto e fragile, crediamo che Johnson dovrà smussare gli spigoli più duri della sua politica per ottenere la fiducia in parlamento.

Da monitorare oggi le trimestrali negli Usa, che vedranno protagonisti i grandi industriali, come Caterpillar, Ford e Boeing, mentre dopo la chiusura di Wall Street ci saranno Facebook e Tesla. Proprio il settore tech è sotto osservazione da parte del Dipartimento di giustizia statunitense per un'indagine di antitrust.

Attenzione rivolta anche ai dati del comparto immobiliare statunitense, utili per capire la dinamica del rallentamento dopo le brutte figure di ieri.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.