Market Update - Inflazione accelera nella zona euro

Le borse però sembrano risentire dei timori sull'accordo commerciale e dell'attesa dei dati sui Non Farm payrolls.

Borse europee in positivo stamane dopo le trimestrali delle banche del Vecchio continente. Il sentiment appare un po' frenato però, probabilmente in vista dei dati sui Non Farm Payrolls di questo pomeriggio e delle indiscrezioni in tema commerciale.

Riguardo al primo punto, dopo la Fed e la BoE, gli investitori potrebbero guardare con maggiore attenzione ai dati macro. Pertanto delle figure migliori delle attese dal mondo del lavoro (ora a 180 mila unità), potrebbero continuare ad ridurre le aspettative di un taglio dei tassi della Fed, cosa che tra l'altro non abbiamo mai pensato. Anzi, a questo ritmo la Fed potrebbe addirittura tentare di ritoccarli al rialzo a dicembre, in vista di un recupero dell'inflazione, unico parametro al momento che sembra pesare di più nelle scelte della Banca centrale statunitense. Proprio la crescita dei salari potrebbe aiutare a chiarire questi timori.

Intanto, nella notte il New York Times ha riportato che la Cina non avrebbe inserito il tema della cyber security nell'accordo finale. A questo punto, non resta che attendere l'evoluzione della materia la prossima settimana quando la delegazione cinese sarà a Washington.

In Europa, secondo le stime preliminari il tasso d'inflazione di aprile ha accelerato più delle attese, probabilmente grazie a delle componenti stagionali legate alla pasqua oltre che a qualche effetto iniziale del balzo del petrolio di inizio anno.
In deciso rialzo anche il dato core, che ha registrato la variazione più alta da due anni.

Sui mercati, il cambio EurUsd continua a scendere nonostante il dato sull'inflazione più alto delle attese. Il cambio risente della forza del dollaro che ha recuperato verso le principali valute dopo il meeting Fed, fatta eccezione per lo yen.

Wall Street potrebbe tentare di lasciarsi andare a una sana correzione sulla scia delle nuove notizie, soprattutto ora che la stagione delle trimestrali volge al termine. Il supporto importante passa per 2.780 punti, ovvero un 4% sotto i livelli attuali

Petrolio sotto pressione in scia ai timori di un aumento dell'offerta dovuta all'aumento della produzione in alcuni Paesi che non viene compensata dalle tensioni in Venezuela. Non si scalda l'oro, che nonostante qualche avvisaglia di risk off risente della forza del biglietto verde.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.