Market Update - Europa al palo in assenza del Dax, male produzione UK

Gli investitori sembrano essere più rilassati rispetto alla scorsa settimana, grazie all'accordo tra Messico e Usa.

Europa in frazionale rialzo in un contesto di volumi non elevato causa l'assenza della borsa di Francoforte chiusa per festività.
Il sentiment degli operatori sembra essere migliorato un po' dopo l'accordo raggiunto nel week end tra Stati Uniti e Messico sul trade commerciale.

Male i dati macro arrivati da più fronti. In Cina la bilancia commerciale di maggio ha visto l'export scendere dell'8,5 su base annua, mentre l'import è salito in maniera inattesa, probabilmente in scia alle tensioni commerciali che hanno aumentato l'approvviggionamento di beni prima di eventuali nuovi dazi.

In calo anche la produzione industriale italiana di aprile, scesa per il secondo mese consecutivo, dopo la buona partenza del 2019. Il vero tonfo è arrivato dalla produzione industriale britannica crollata del 2,7% a maggio, registrando la peggior performance da settembre 2012. All'interno del dato, la produzione manifatturiera è scesa addirittura del 3,9%, il calo peggiore dal 2002.

Il risk on si è così un po ridimensionato anche se gli operatori continuano ad alleggerire le posizioni sui bond, con i rendimenti che recuperano quota dopo lo scivolone di venerdì a seguito dei dati deludenti arrivati dal mondo del lavoro statunitense. Così dopo le recenti dichiarazioni di Powell e i continui dati deludenti, la possibilità di un taglio entro l'anno sembra essere diventata quasi una certezza, con luglio che dovrebbe essere la prima data disponibile. A tal proposito, saranno importanti anche i dati macro sull'inflazione e sulle vendite al dettaglio in agenda rispettivamente mercoledì e venerdì, che potrebbero in qualche modo portare gli operatori a scontare qualche possibilità in più per il secondo taglio.

Sul mercato valutario, il deprezzamento del dollaro in scia alle aspettative di una Fed accomodante sembra essersi arrestato grazie all'intesa tra Usa e Messico. Il cambio EuroDollaro così dopo aver aggiornato i massimi da quasi tre mesi, a 1,1350 è sceso nuovamente in area 1,12.

Tra le commodity, il petrolio sosta ai massimi da inizio mese, con il Brent al ridosso dei 64 dollari, mentre il WTI è a 54 dollari. L'intesa tra la Russia e Arabia per un'estensione dei tagli della produzione sembra essere quasi raggiunta.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite e superare anche l'importo investito. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.