Market Update - Borse sprint su dati cinesi, ma trascurano i segnali dall'allarme in Europa

La manifattura cinese è tornata ad espandersi a marzo e gli investitori sembrano apprezzare, ma i dati europei continuano ad essere deprimenti.

Inizio di settimana sprint per le borse europee che apprezzano le buone indicazioni arrivate dagli indici PMI cinesi, che sono tornati a segnalare l'espansione del comparto manifatturiero. In realtà, crediamo che dietro questo dato ci sia un rimbalzo dell'attività economica dopo i primi due mesi dell'anno segnati dalla debolezza e dalle festività. Attendiamo quindi delle conferme prima di dire che il peggio sia alle spalle.

Purtroppo ancora brutte indicazioni sono arrivate invece dal Vecchio continente, che ha visto la manifattura contrarsi un po' dovunque, con letture ai minimi da oltre 6 anni a questa parte. La situazione rimane ancora estremamente difficile e c'è chi inizia ad avanzare l'ipotesi ormai di una contrazione più che di rallentamento.

Rimanendo in Europa, il faro degli investitori rimane incentrato sulla Brexit, con il nuovo ennesimo round di voti di questa sera al Parlamento. Tutte le opzioni rimangono sul tavolo e secondo le ultime indiscrezioni di stampa i Conservatori potrebbero cedere a nuove elezioni. Intanto si fa sempre più strada l'ipotesi di uno nuovo slittamento di almeno un anno. La sterlina oggi sta provando a rialzare la testa dopo il tonfo di venerdì. L'impressione generale è che comunque al momento gli investitori tengono lontane le ipotesi peggiori, come quella di un no deal e sperano in un accordo più soft.

Rimanendo sul mercato valutario, forti pressioni in vendita sulla lira turca dopo i risultati delle elezioni amministrative di ieri che hanno visto il partito di Erdogan perdere nelle grandi città. Passando all'azionario, gli indici sembrano iniziare il nuovo trimestre così come hanno chiuso il primo dell'anno, all'insegna dei rialzi.

Con la questione commerciale in dirittura d'arrivo e con la Brexit sempre meno imminente, per gli investitori sembrano non esserci apparenti motivi per essere preoccupati.
Il focus nel breve si sposta sulla stagione delle trimestrali che inizierà la prossima settimana e che potrebbe vedere ancora le aziende apportare tagli alla guidance visto il rallentamento in atto.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.