Jeff Bezos e l'offerta "che non potevo rifiutare". Il patron di Amazon anticipa la notizia del National Enquirer

Non solo record trimestrali. Amazon al centro della scena dopo la separazione Bezos-McKenzie: David J. Pecher ha minacciato il più ricco uomo del mondo di pubblicare sue foto private. La risposta, in un post.

Fonte: Bloomberg

“Ieri mi è successo qualcosa di insolito. Anzi, non solo insolito: inedito. Mi è stata fatta un’offerta che non potevo rifiutare. O almeno, questo è quello che speravano i dirigenti del National Enquirer”.

Continua a far parlare di sé Jeff Bezos, fondatore del colosso dell’e-commerce Amazon, di recente balzato agli onori della cronaca non solo grazie al successo della sua azienda.

Se la notizia della separazione dall’ex moglie McKenzie dopo 25 anni di matrimonio è diventata di dominio pubblico (con un divorzio da record che potrebbe valere la metà dei 137 miliardi di dollari di patrimonio dell’uomo più ricco del mondo), Bezos torna oggi in copertina, dopo aver confessato di aver ricevuto minacce circa la pubblicazione di foto private da parte di un tabloid americano.

Senza troppo pensarci, il padre di Amazon, nonché proprietario dal 2013 del Washington Post, ha deciso di confessare tutto in un post.

La vicenda: Bezos minacciato dal National Enquirer

Secondo quanto riportato, il National Enquirer avrebbe contattato l’imprenditore minacciandolo della pubblicazione di alcuni scatti di vita privata, al fine di ottenere un trattamento più clemente da parte del Washington Post sui problemi giudiziari del tabloid e del suo editore, David J. Pecker.

Il post, apostrofato da Bezos con un “No grazie, signor Pecker” riporta integralmente il testo delle email recapitate dal responsabile contenuti del National Enquirer ai legali di Bezos. Cosa c’è dietro?

Lo scorso gennaio, prima che Amazon rivelasse ai mercati la sua terza trimestrale consecutiva da record, Bezos e McKenzie hanno annunciato il loro divorzio. Qualche giorno dopo l’annuncio, il National Enquirer, che prevalentemente tratta di show business, ha dedicato ampio spazio alla vicenda, sostenendo che la separazione dei due originasse dalla relazione extraconiugale di Bezos con un’altra donna. Il tutto, documentato da foto e da alcuni messaggi venduti come “privati” tra i due amanti.

Il titolo Amazon, intanto, proseguiva senza particolari scossoni, in un range di prezzo compreso tra 1600 e 1680 dollari per azione.

Jeff Bezos e il Washington Post: editore orgoglioso

“Essere editore del Washington Post complica un po’ tutto per me” ha commentato Bezos, descrivendo come “inevitabile” che alcune persone oggetto delle indagini giornalistiche del Washington Post tendano a convincersi che il nemico sia lo stesso Bezos, che più volte si è detto “straordinariamente orgoglioso di esser l’editore del Washington Post”.

Tra gli altri, Donald Trump da mesi attacca Bezos su Twitter accusando il giornale di trattarlo in modo ingiusto. Trump, amico di lunga data di David J. Pecker, sarebbe invece stato aiutato dal National Enquirer (che segue la strategia del catch and kill, cattura e uccidi) a oscurare alcune vicende private in corso di campagna elettorale. Pecker, è inoltre indagato per i presunti rapporti di collaborazione per conto del regime dell’Arabia Saudita, caduta nel frattempo sotto indagine a seguito dell’omicidio del giornalista, Jamal Khashoggi.

Mentre Amazon continua il suo corso puntanto allo sviluppo di servizi sempre più in linea con le esigenze della clientela online, il maggior rischio che corre oggi Bezos è quello di vedere le proprie foto private diffuse su larga scala,.

A rischiare di più è invece David J. Pecker, che potrebbe ampliare il proprio dossier con una nuova indagine, questa volta per estorsione.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.