Huawei cita gli USA in giudizio: bando incostituzionale. Borse in attesa di un accordo Trump-Xi

Il colosso tech cinese passa al contro attacco. Guo (presidente) sul divieto di utilizzo smatphone Huawei da parte dell'amministrazione federale: contrario alla legge e alla concorrenza. Verso il confronto Trump-Xi di fine marzo.

Fonte: Bloomberg

Borse asiatiche poco convinte, in una giornata conclusasi in territorio per lo più negativo. L’attesa, ancora una volta, sembra concentrarsi tutta sul confronto Stati Uniti e Cina, che attorno al 27 marzo dovrebbero riunirsi in un nuovo (forse ultimo) meeting in Florida per trovare un accordo sul commercio. Intanto, le tensioni tra i due Paesi non accennano a rallentare, specie sul fronte più dibattuto: quello tecnologico.

Il colosso cinese Huawei ha citato in giudizio gli Stati Uniti per aver vietato l’utilizzo di smartphone e devices Huawei alle agenzie federali. Ad annunciare la contromossa è stato il presidente del gruppo con sede a Shanzhen, Guo Ping, che ha inoltre puntato il dito contro gli Usa, colpevoli a suo dire di aver hackerato i server della società, con relativo furto di email.

Hong Kong ha chiuso gli scambi in calo dello 0,5%; male anche Tokyo, attorno al -0,7%. Meglio è invece andata a Shanghai, che si è confermato positivo a +0,75%.

Deficit USA record: timori sul commercio

Ad aggiungere preoccupazioni ai mercati è stata la rilevazione di ieri di un deficit commerciale americano salito nel 2018 ad un record da 10 anni, con una domanda interna forte che ha attratto le importazioni, nonostante le politiche "America First" dell'amministrazione Trump volte a ridurre il divario.

Tra le proposte cinesi per allentare le tensioni, Pechino ha infatti messo subito in prima linea l’incremento dei propri acquisti americani di prodotti agricoli (soia), energetici e dell’industria, con l’obiettivo di portare a zero l’avanzo commerciale cinese entro il 2025 (per un valore complessivo di oltre mille miliardi di dollari).

Huawei accusa gli USA: nuove tensioni lato tech

Il bando emanato dal Presidente Trump per vietare la vendita e l’utilizzo della tecnologia di Huawei. "Il Congresso degli Stati Uniti ha ripetutamente fallito nel fornire una qualsiasi prova a supporto delle restrizioni sui prodotti Huawei" hanno dichiarato Guo. "Questo divieto” hanno proseguito “non solo è contrario alla legge, ma impedisce a Huawei di operare in una competizione equa, danneggiando, non da ultimi, i consumatori statunitensi".

Guo ha quindi chiosato: "Siamo impazienti di conoscere quale sarà il verdetto, che riteniamo andrà a beneficio sia di Huawei che del popolo americano".

Huawei dal canto suo dovrà invece rispondere a 23 capi d’imputazione americani relativi, tra gli altri, al furto di proprietà intellettuale, al trasferimento forzoso di tecnologia, alla violazione delle sanzioni Usa all’Iran (ragione che ha portato all’arresto della direttrice finanziaria del gruppo, Meng Wanzhou, arrestata in Canada lo scorso dicembre).

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.