Guerra commerciale effetto domino: ultimi aggiornamenti da Pechino

L'impatto delle tensioni Usa-Cina inizia ad espandersi: ad aprile cala l'export in Giappone; netto peggioramento della bilancia commerciale nipponica. USD/CNH di nuovo sui massimi a sei mesi. Il dollaro vince su tutto.

Guerra commerciale Fonte: Bloomberg

Effetto guerra commerciale sui principali dato macro di giornata, con la Cina che arretra sul fronte industriale ed il Giappone che rallenta sul calare del Dragone. E mentre sul mercato si continua a temere un’escalation delle tensioni commerciali tra le due più grandi economie al mondo (nonostante i 90 giorni di tregua concessi a Huawei da Washington), l’indice dell’area Asia-pacifico si muove attorno alla soglia della parità, indeciso sul da farsi.

Produzione industriale Cina in calo

Ad aprile la produzione industriale cinese ha deluso le attese, con una crescita del 5,4%, inferiore alle aspettative (+6,5%) ed in calo rispetto al +8,5% di marzo. Male anche le vendite al dettaglio, salite del 7,2%, rispetto ad un consenso dell’8,6%. Con il peggioramento delle relazioni Stati Uniti-Cina e la minaccia alla big della tecnologia (che il prossimo 19 agosto potrebbe non poter più accedere agli aggiornamenti Google Android e ai prodotti di fornitori Usa), le prospettive di un accordo sembrano allontanarsi sempre più. La mossa del Dipartimento del commercio statunitense, comunque, avrebbe come unico fine quella di fornire agli operatori di telecomunicazioni che si affidano a Huawei il tempo per prendere altri accordi con altri competitor.

Non solo: una notizia trapelata ieri dal New York Times ha riportato che gli Stati Uniti potrebbero porre dei limiti alla capacità di acquisto di tecnologia statunitensi anche ad altri player cinesi di settore, tra cui Hikvision.

Guerra commerciale: impatti e dubbi

Al momento, è difficile quantificare quale impatto potranno avere le misure americane sulla redditività delle società del settore. Il timore è quello di un rallentamento complessivo della motrice tecnologica, forza prorompente sui mercati finanziari.

Un primo effetto contagio si è registrato nella notte di oggi, quando il Giappone ha rilasciato un dato sull’export di aprile negativo e pari al -2,4% contro attese a -1,8%. Nettamente ridimensionata, inoltre la bilancia commerciale del Paese, passata dai precedenti 527miliardi agli attuali 60,4 miliardi (contro aspettative a 203,2 miliardi).

Trade War: gli effetti sul mercato

Anche il cambio dollaro/yuan è tornato a muoversi a rialzo, di nuovo al test dei massimi a 6 mesi, dopo la giornata interlocutoria di ieri. Nell’attuale fase di precarietà, il biglietto verde continua ad esser scelto dagli investitori come uno degli assets più sicuri, quasi a significare quanto l’America abbia il coltello dalla parte del manico. L’apprezzamento della divisa a stelle e strisce, assieme con le minori prospettive di crescita, ha portato ribassi sia sul petrolio, con Wti tornato a quotare sotto i 62,5 dollari al barile, sia sul gold, il cui principale acquirente è da qualche anno la Cina stessa.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.