Fomc senza sorprese: mercato in attesa di una Fed colomba. Tassi d'interesse: quanti rialzi nel 2019?

Mercati in attesa di mercoledì 20 marzo: doppio appuntamento tra voto sulla Brexit (accordo May) e decisione di politica monetaria da parte della Federal Reserve: quanti rialzi dei tassi nel 2019? Via libera al taglio di bilancio?

Fonte: Bloomberg

Mercati finanziari in attesa del 20 marzo, giornata cruciale per due ordini di motivi: se da un lato i mercati restano in silenzio a guardare quali risvolti prenderà la Brexit (col voto di mercoledì all’accordo May, il terzo da gennaio), dall’altro lato a tener banco è la politica monetaria americana, dopo il cambio di direzione annunciato nella prima riunione del 2019, che ha mostrato un istituto centrale a stelle e strisce meno falco.

Quanti aumenti dei tassi vedrà il 2019?

Dopo le parole del governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, che a gennaio ha invitato alla “pazienza”, gli operatori di mercato si interrogano ora circa la direzione che prenderanno i tassi d’interesse a stelle e strisce nel corso dell’anno: da attese, il Fomc, braccio operativo della Fed, dovrebbe optare nella riunione di marzo per mantenere inalterato il costo del denaro entro una forchetta tra il 2,25 e il 2,50%, target raggiunto nel 2018 con un quadruplice rialzo dei tassi.

Nonostante la locomotrice americana si confermi ancora tonica, qualche avvisaglia di rallentamento economico ha indotto l’organo centrale ad adottare cautele aggiuntiva. Secondo i recenti dati rilasciati, a febbraio le nuove buste paga del settore non agricolo sono cresciute del 90% meno rispetto alle attese, mentre il tasso di disoccupazione si è confermato attorno alla soglia della piena occupazione al 3,8%. Leggero calo per l’indice dei principali prezzi la consumo, sceso lo scorso mese ad un risicato +0,1%. Risultati invece sopra la pari per i direttori degli acquisti del settore manifatturiero e non, confermatisi al di sopra del livello di 50, soglia di espansione.

Previsioni FOMC 2019: da tre rialzi ad uno

Se i tre rialzi inizialmente previsti per il 2019 sembrano ora una lontana chimera, è difficile pensare che gli Stati Uniti possano optare per la soluzione zero rialzi, propendendo al più per un solo intervento. Ancora più remota sembra l’eventualità che i funzionari della Fed possano optare entro fine anno per un taglio del costo dle denaro, a prescindere dal livello dei prezzi del mercato. Tassi più bassi tendono infatti ad incentivare la circolazione e l’impiego di liquidità, spingendo a rialzo i livelli di inflazione.

Previsioni FOMC 2019: la view di Barclays ed HSBC

Secondo quanto anticipato da Barclays, probabilmente la Fed ridurrà le proprie proiezioni economiche, adottando un approccio più accomodante. Le prospettive di crescita della Fed per il 2019 potrebbero ridursi di circa un decimo, mentre sempre di un decimo potrebbe alzarsi il tasso di disoccupazione. Dovrebbero invece esser confermate le attese di inflazione, mentre il percorso di politica monetaria assumerà un ritmo più lento, a sostegno dell’economia.

A tendere, il livello dei tassi d’interessi dovrebbe convergere verso il range 2,50-2,75%, con un tasso neutrale del 2,5%.

Anche HSBC prevede una Fed colomba, che manterrà inalterato il costo del denaro ribadendo la necessità di una linea d'azione improntata alla pazienza. Uno scenario, questo, che favorirà l'alleggerimento del dollaro USD.

Riduzione del bilancio federale: quanti tagli nel 2019?

I mercati attendono inoltre ulteriori indicazioni circa la politica di bilancio. Rispetto ai livelli pre crisi, il continuo riacquisto di bond sul mercato a stelle e strisce ha portato il bilancio della Federal Reserve ad espandersi di oltre tre volte, toccando un massimo prossimo ai 4,5 trillion (4,5 mila miliardi) a fine 2017 e ridimensionandosi a 4 trillion nel corso del 2018. Cosa accadrà nel 2019? Complessivamente l’istituto aveva annunciato un taglio pari a massimo 50 miliardi di dollari al mese (tramite il mancato reinvestimento delle poste in scadenza), che avrebbe comportato ad un ridimensionamento del bilancio complessivo a fine 2019 a 3,5-3,7 mila miliardi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.