Effetto Fed sui mercati: l'outlook sui tassi spinge a ribasso Asia ed Europa

Quarto rialzo dei tassi: il costo del denaro sale a 2,25-2,50%. Confermata una guidance rigida per il prossimo biennio. Male le borse asiatiche, Tokyo scende oltre il 2%. Negativa l'apertura dei listini nel vecchio continente: Milano e Francoforte perdono l'1,5%. Peggio Parigi e Londra, con perdite dell'1,6%.

Usa
Fonte: Bloomberg

Fattori di rischio all’orizzonte? Non per la Federal Reserve, che ha confermato il quarto rialzo dei tassi del 2018, confermando le fondamenta della propria guidance per il prossimo biennio. Nel futuro dell’istituto a stelle e strisce vi sono quindi ulteriori interventi sul costo del denaro, volti a raggiungere la soglia della neutralità (con un Fed Funds rate nel 2020 al 3,1%, contro un precedente stima a 3,4%).

Il tutto, con buona pace di coloro che speravano invece in una politica poco più accomodante.

L’economia mondiale ha perso il suo smalto: le previsioni condivise per gli anni a venire stimano un calo della produttività mondiale, da unirsi ad un costo di finanziamento in crescita e ad un dollaro che, complici indicatori economici tra i migliori su scala globale, continua a rafforzarsi. Un biglietto verde più forte appesantisce la bilancia commerciale Usa, rendendo più caro a Paesi terzi l’acquisto di materie prime (quotate in dollari).

In una giornata in cui, a prevalere, sembra esser il sentiment negativo, le borse asiatiche hanno chiuso in rosso, con ribassi dello 0,5% a Shanghai, dell’1,2% ad Hong Kong e del 2,8% a Tokyo.

Apertura sotto la pari anche per l’Europa, che avvia la giornata di contrattazioni di giovedì in profondo ribasso: l’Eurostoxx in apertura ha lasciato sul mercato l’1,15%. Tra le piazze peggiori, Milano e Francoforte, con ribassi dell’1,5%. Peggio di queste, Londra e Parigi, in calo attorno all’1,6%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.