Disoccupazione Usa ai minimi dal dicembre 1969. Wall Street al ritmo di NFP e Fed

Disoccupazione al 3,6% e nuovi posti di lavoro creati (non-farm payrolls) oltre il consenso di mercato. Cala però il tasso di partecipazione alla forza lavoro (-0,2% al 62,8%). Dollaro stabile dopo un picco di volatilità.

Mercato Usa Fonte: Bloomberg

Tasso di disoccupazione americana in calo al 3,6% ai minimi dal Natale del '69. Con un però: il calo dello 0,2% del tasso di partecipazione alla forza lavoro (pari al 62,8%). Gli Stati Uniti hanno invece stupito il mercato sul fronte dei posti di lavoro creati ad aprile, con 263 mila nuovi occupati (181mila attesi), ben oltre i 196 mila di marzo e i 33 mila di febbraio (ai minimi da settembre 2017); la media degli ultimi 12 mesi si attesta a 213 mila.

Tra i settori più performanti evidenziati dal Bureau of Labor Statistics che hanno contribuito al miglioramento del dato, le costruzioni, l’health care, l’assistenza sociale e i servizi professionali e d’impresa.

Usa: non-farm payrolls di aprile

L'indice non-farm payrolls, tra i più sentiti dagli operatori a stelle e strisce, misura la variazione mensile del numero di salariati per tutte le categorie di attività non agricole, che complessivamente rappresentano l’80% dei lavoratori che contribuiscono alla formazione del Prodotto interno lordo statunitense.

Immediata la reazione del biglietto verde, che poco dopo la pubblicazione del dato sui NFP ha accelerato a rialzi fino a +0,3%, riassorbendosi poi poco dopo.

I numeri odierni fanno seguito al dato sull’occupazione ADP non agricola (dell’impiego privato) di questo mercoledì, che ha raggiunto ad aprile i 275 mila nuovi posti creati, contro attese a 181 mila.

Disoccupazione Usa al 3,6%

A coronare il quadro d’insieme sul mercato del lavoro a stelle e strisce, la disoccupazione in aprile è ulteriormente migliorata, passando dal precedente 3,8% all'attuale 3,6%, con un passetto all’indietro del tasso di partecipazione alla forza lavoro, sceso dello 0,2% al 62,8%.

Sotto le attese la variazione del salario orario medio mensile, cresciuto dello 0,2%, rispetto al target dello 0,3% (+3,2% su base annuale).

Federal Reserve: zero rialzi dei tassi

Dopo le indicazioni fornite dalla Federal Reserve nella serata di mercoledì, i mercati sono rimasti in attesa di conoscere i numeri odierni. L’istituto centrale americano non dovrebbe toccare il livello dei tassi d’interesse per l’intero anno 2019, nonostante l’economia americana si confermi in crescita ed in forze. A fine aprile, la rilevazione del Pil (preliminare) del primo trimestre ha più che superato le aspettative di mercato (+2%) segnando una crescita del 3,2%.

Inflazione Usa destinata a salire?

L’inflazione si è invece confermata al di sotto del target al 2%, con un livello core prossimo all’1,6%. Jerome Powell ha precisato in conferenza stampa che il basso livello dei prezzi attuali è condizionato da fattori temporanei, che dovrebbero venire meno nei trimestri a venire. Solo qualora l’inflazione si mantenesse costantemente al di sotto della soglia obiettivo, tale debolezza, non più imputabile al ribasso dei prezzi del petrolio (cresciuti da inizio 2019 del 40%), implicherà la valutazione da parte del board centrale di nuove strategie.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.