Cina: taglio del target di crescita 2019 tra 6% e 6,5%. Da Pechino nuovi stimoli all'economia

Il Dragone rivede i propri obiettivi di crescita. Pesano l'aumento del debito e gli effetti della guerra commerciale Usa-Cina. Ulteriori stimoli all'economia: taglio delle tasse, investimenti in infrastrutture, prestiti alle PMI.

Fonte: Bloomberg

Battuta d’arresto per le borse asiatiche che, pur sugli entusiasmi di un possibile accordo Usa-Cina, si trovano a fare i conti con un’economia che cambia. Come da attese, Pechino ha infatti tagliato il suo obiettivo di crescita 2019, ridimensionandolo in un range compreso tra il 6% ed il 6,5%. Lo scorso anno era pari al 6,5%.

Tokyo ha chiuso la giornata in calo dello 0,45%; male Sidney e Singapore, giù rispettivamente dello 0,3% e dello 0,55%. Si riprendono invece Shanghai e Hong Kong, con rialzi dello 0,9% e dello 0,10% circa.

A motivare la revisione degli obiettivi, hanno spiegato fonti interne, le crescenti sfide derivanti dall'aumento del debito e gli effetti della disputa su commercio e tecnologia con gli Stati Uniti.

Non è tutto: per contrastare il rallentamento economico, il governo ha promesso ulteriori stimoli, tra cui il taglio delle tasse fiscali e delle tasse sociali, l’aumento degli investimenti in infrastrutture e nuovi prestiti alle piccole imprese.

Riflettendo le attese di un minore gettito fiscale ed una maggiore spesa pubblica, Pechino ha quindi alzato il proprio obiettivo di deficit di bilancio al 2,8% del Pil, in rialzo rispetto al 2,6% dello scorso anno.

Il ministero delle finanze ha quindi portato la quota delle obbligazioni emesse dal governo locale a 2,15 trillion di yuan ($320 miliardi), 0,8 trillion di yuan oltre la soglia dello scorso anno.

Tali fondi saranno utilizzati esclusivamente per spingere nuovi investimenti infrastrutturali, che andranno a fornire sostegno all'economia nel breve termine, ma che potrebbero creare qualche squilibrio in più su archi temporali più estesi.

Intanto, l’attesa è rivolta al vertice del prossimo 27 marzo (o una data molto prossima a tal giorno), quando il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il presidente cinese Xi Jinping potrebbero raggiungere un accordo commerciale formale.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.