Black list europea: 10 nuovi paradisi non compliant. Emirati Arabi Uniti in elenco

Oman, Belize, Fiji nella lista dei Paesi non cooperativi con l'Unione, assieme a Bermuda ed Aruba; Regno Unito e Olanda non esercitano il veto sui propri territori. Disappunto della Romania. Italia contro l'inclusione degli EAU.

Fonte: Bloomberg

Da un lato la Brexit, con il Regno Unito frammentato internamente circa le condizioni di uscita dall’Unione europea; dall’altro l’Unione europea stessa, impegnata ad aggiornare la lista nera dei paesi non compliant.

Non solo Brexit: l'Unione blinda 10 giurisdizioni

Una black list amplificata, che passa da 5 a 15 Paesi, mettendo spalle al muro gli Emirati Arabi Uniti e i territori d'oltremare britannici ed olandesi. Oltre al danno reputazionale, gli stati che compaiono nell’elenco sono soggetti a controlli più severi sulle transazioni effettuate all’interno dell'Ue. Nessuna sanzione, al momento, sarebbe ancora stata concordata.

Le 28 nazioni che attualmente compongono l’Unione europea (almeno fino al prossimo 29 marzo) hanno istituito la lista nera unificata dei territori non ottemperanti alle regole fiscali comunitarie nel dicembre 2017, dopo gli innumerevoli casi di elusione sfruttati da grandi aziende e soggetti facoltosi per ridursi le tasse.

Rientrano tra i nomi sotto stretta osservazione quelle giurisdizioni che presentano carenze a livello di norme fiscali nazionali, che potrebbero favorire il reato di evasione ed illecito fiscale negli altri stati. Coloro che si impegnano a cambiare e a rendere trasparenti le proprie regole entro una scadenza stabilita dall’Unione stessa vengono rimossi dall'elenco.

Black list europea: i 15 Paesi non compliant per l'Ue

Tra le nuovi giurisdizioni inserite compaiono l'isola caraibica olandese di Aruba, Barbados, Belize, il territorio britannico oltremare delle Bermuda, le isole Figi, le Isole Marshall, l'Oman, gli Emirati Arabi Uniti, Vanuatu e Dominica. A questi si uniscono Samoa, Trinidad e Tobago e tre territori statunitensi (Samoa americane, Isole Vergini americane e Guam) già presenti nella lista nera.

La maggior parte delle giurisdizioni non cooperative a livello fiscale sono le piccole isole (specie quelle dei Caraibi e del Pacifico) che basano le proprie entrate sul turismo e sugli accordi off-shore.

Il Primo ministro delle Bermuda, David Burt, si è detto non preoccupato circa la decisione europea, sostenendo che l'isola è conforme agli standard dell'Ue e non deve per questo temere alcun danno reputazionale.

Lista nera: disappunto di Italia, Estonia e Romania

La decisione delle alte cariche europee non sarebbe stata unanime: il presidente della riunione, il ministro delle finanze romeno, Eugen Teodorovici, ha riportato ai giornalisti che si aspettava la decisione sarebbe stata posticipata a maggio, dopo la prima fase di bufera Brexit e prima delle elezioni europee. Per esser deliberate, le decisioni in materia fiscale richiedono il sostegno di tutti i 28 membri dell'Ue.

La pressione dall’esterno (specie quelle di Arabia Saudita e Stati Uniti) hanno spinto i rappresentanti a bloccare la scorsa settimana un'altra lista nera di paesi “carenti” nel contrastare riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo.

Secondo quanto riportato da Reuters, l’Italia assieme all’Estonia si sarebbe opposte alla nuova lista dei paradisi fiscali, contraria ad una inclusione degli Emirati Arabi Uniti. Rassicurazioni a riguardo sono arrivate dall’ue, che ha garantito la rimozione del paese dalla lista nera non appena sarà a approvata una legislazione che lo avrebbe reso conforme alle norme fiscali dell'UE.

La scorsa settimana la Gran Bretagna ha deciso di non esercitare il proprio veto circa l’inclusione nella lista del suo territorio d'oltremare, le Bermuda. Analoga cosa ha fatto l'Olanda, di fronte all'inclusione di Aruba.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.