Asia cerca risposte: cautela sull'accordo Cina-Usa. Dollaro ancora forte: Trump verso la firma del budget

Petrolio in crescita, oro stabile in area $1305-1310, indice del dollaro sui massimi da metà dicembre. Oggi il segretario al tesoro Mnuchin incontra Liu He. Donald Trump pronto a concedere più tempo sul rialzo dei dazi

Fonte. Bloomberg

Sale il petrolio, oro poco sopra la parità, dollaro in leggero calo: l’idea di un posticipo statunitense del giorno del rialzo dei dazi alla Cina (probabilmente 60 giorni dopo il termine fissato al 1° marzo) ha rinfrancato i mercati circa l’intenzione che le parti, Cina e Stati Uniti, vogliano raggiungere un accordo commerciali. Le lungaggini dei tempi, tuttavia, sono significative di una negoziazione che nasce da prese di posizione parallelamente opposte.

Cina cauta. Bene la bilancia commerciale

Secondo il presidente Donald Trump, i colloqui con Pechino stanno "procedendo molto bene", una rassicurazione che ha spinto i mercati a riportarsi in posizione d’acquisto. Passata però la prima parte della settimana, a prevalere tra gli operatori sembra ora esser la cautela: giovedì i listini asiatici hanno chiuso gli scambi senza entusiasmi, con Shanghai in crescita dello 0,08% e Hong Kong in calo dello 0,23%. Nelle prime ore della mattina la Cina ha rilasciato dati positivi a proposito della propria bilancia commerciale, il cui saldo a gennaio ha superato le attese grazie ad un netto balzo dell’export (+9,1% contro attese a -3,2%) ed un calo dell’import (a -1,5% contro attese a -10%). Sulla chiusura di Tokyo a -0,02% ha invece impattato una rilevazione negativa del Pil, salito nel quarto trimestre dello 0,3%, su aspettative a +0,4%. Bene le spese pro capite, su del 2,4%; il consensus di mercato si attestava a +1,8%.

Oggi il segretario del Tesoro Steven Mnuchin incontrerà il suo omologo Liu He a Pechino, per scongiurare il rialzo dei dazi da 200 miliardi di dollari nel mese di marzo.

Trump verso la firma per evitare un nuovo shutdown

Intanto, sul suolo americano, l’amministrazione Trump sembra aver raggiunto un accordo circa le spese federali: la firma del compromesso tra democratici e repubblicani, che dovrebbe arrivare venerdì alla Casa Bianca, eviterà che gli Stati Uniti si blocchino nuovamente. Lo shutdown iniziato a dicembre e durato per più di un mese avrebbe infatti causato, tra dicembre e gennaio il congelamento delle attività federali avrebbe causato un calo della crescita pari a 11 miliardi di dollari.

Mentre l’oro conferma il proprio prezzo in area $1305-1310, l’indice del dollaro è tornato a quotare sui massimi da metà dicembre, sopra quota 96,50.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.