Oro recupera dopo tonfo della notte

Rimbalza il metallo prezioso dopo i cali della notte in scia ai risultati del referendum in Svizzera.

bg_gold_1281125
Fonte: Bloomberg

La vittoria dei "NO" al referendum in Svizzera, che avrebbe imposto alla Banca centrale (Swiss National Bank, SNB) di detenere almeno il 20% delle riserve in oro, ha aggiunto pressioni ribassiste sul metallo prezioso. Ieri sera il prezzo spot dell'oro in apertura sui mercati asiatici ha aperto con un ampio gap ribassista rispetto alla chiusura di venerdì sera.
Nel corso della mattina, il metallo giallo ha recuperato tutte le perdite e virando in positivo. Dal punto di vista tecnico, la discesa si è arrestata sui minimi delle ultime due settimane, a 1.147 dollari. Da qui il rimbalzo è stato importante. In questo momento, l'oro ha recuperato l'area di 1.180 dollari. La resistenza importante rimane a 1.206 dollari, top della scorsa ottava. Indicazioni negative arriverebbero con una discesa sotto 1.147 dollari, con primo supporto a 1.132 dollari, bottom di novembre.
Solo un cedimento di questo livello potrebbe aprire a una nuova serie di cali che spingerebbero le quotazioni verso 1.100 dollari.