Vix, pericolo rientrato ma attenzione alla Fed

Torna a mettere pressione ai minimi di questa estate il Vix dopo il forte rialzo di inizio mese.

Lo shutdown e i timori sul debt ceiling avevano creato occasione di una correzione in Usa che ha fatto schizzare l’indice di volatilità verso i massimi di giugno, in area 20 punti. Ora che i problemi sul debito sono stati allontanati dalla mente degli operatori, si tornerà a guardare ai dati macro e alle possibili decisione della Fed. Le attese degli investitori ora propendono per uno spostamento del tapering solo a inizio 2014 e questo dovrebbe aiutare a mantenere bassa la volatilità sui mercati nei prossimi mesi. Solo se i dati sull’occupazione dovessero risultare migliori delle attese e/o se dovessero esserci fiammate inflative, ecco che allora le possibilità di un taper anticipato potrebbe riportare un po’ di tensione sui mercati. Dal punto di vista tecnico, il supporto in area 13 punti dovrebbe resistere nel breve. Nel caso di una rottura dei massimi storici a Wall Street potremmo assistere a degli spike ribassisti verso area 11 punti. Indicazioni positive arriveranno solo con il superamento di area 16 punti, preludio per un accelerazione in direzione dell’area 19,50-20 punti. Se le pressioni ribassiste dovessero accentuarsi, con le borse ai massimi storici, la volatilità potrebbe schizzare anche verso 30 punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.